riusa logotype

Economia circolare in Brasile

Manioca

L'economia circolare rappresenta un'interessante opportunità anche dove c'è grande abbondanza di materie prime. Quattro casi di economia circolare in Brasile.

Il Brasile, spinto dal "superciclo" delle materie prime all'inizio del XXI secolo, ha goduto dell'illusione di prosperità per oltre un decennio. Dal 2000 al 2012, il gigante sudamericano è stato una delle economie in più rapida crescita del mondo, raccogliendo enormi profitti da grandi riserve di materie prime, come soia, zucchero di canna, ferro, petrolio e legname, uniti a costi di lavoro e di produzione molto bassi.

La crescita economica stellare del paese doveva molto alla Cina e all'emergere dell'India come potenze economiche con una grande fame di risorse, la necessità di nutrire una classe media crescente e un'infrastruttura urbana e industriale in rapida espansione.
Questo boom ha provocato un aumento della crescita interna del Brasile, che sembrava poter togliere milioni di persone dalla povertà.

Tuttavia questa prosperità non era resiliente e quindi non è durata. L'affidamento del paese sui profitti a breve termine delle industrie estrattive, combinato con una mancanza di investimenti nello sviluppo di competenze e strutture industriali moderne, ha approfondito la dipendenza dai mercati esteri.

La situazione ha evidenziato come il Brasile fosse particolarmente vulnerabile alle fluttuazioni delle fortune delle economie di altri paesi, in particolare dei prezzi delle materie prime. Queste scelte politiche hanno in parte vanificato i progressi fatti in passato investendo sulla produzione ad alto valore aggiunto, valorizzando maggiormente le proprie materie prime e generando lavoratori più qualificati.

Nei primi anni 2000, il Brasile quindi è tornato ancora una volta un'economia basata principalmente sulle materie prime, con una ripetizione dell'errore del ventesimo secolo e un calo costante dell'innovazione.

Il concetto di economia circolare, pare adattarsi poco in un paese così prospero di materie prime. I livelli di reddito medio sono bassi, i sistemi infrastrutturali non sono avanzati e l'intera economia si basa sull'esportazione di materie prime. Non c'è quindi una grande richiesta di riuso e riciclo.

Eppure l'economia circolare in Brasile è un'opportunità per l'innovazione e la creazione di valore in tutto il paese, e potrebbe essere rinforzata dalle caratteristiche peculiari del Brasile, ovvero l'abbondanza di risorse naturali, l'emergere di innovazioni disomogenee, un grande peso detenuto dall'economia informale e la dimensione notevole del mercato, sia in termini di territorio che di popolazione.

Un certo numero di aziende brasiliane hanno già iniziato ad apprezzare questa grande opportunità e stanno ripensando al modo in cui progettano, operano e offrono servizi e prodotti. Modificando i loro modelli aziendali, possono aumentare i ricavi e ottenere un vantaggio competitivo sul mercato.

Combinando la scienza dei materiali e l'innovazione del modello di business, l'azienda CBPAK, per esempio, sta sfruttando al massimo la manioca, una radice amidacea, già fondamentale tra le colture alimentari brasiliane, che già è utilizzata in molte applicazioni nell'industria alimentare brasiliana.

L'azienda utilizza un tipo di fecola non commestibile di manioca per realizzare contenitori alimentari monouso che sostituiscono le materie plastiche. La proposta per il cliente include lo smaltimento dei contenitori dopo l'uso, ottenuto attraverso partnership con aziende locali di compostaggio, che raccolgono i contenitori usati, trasformandoli in ammendanti per il suolo che possono essere utilizzati per rigenerare i terreni agricoli.

In Brasile, come in molti altri paesi emergenti, l'occupazione informale comprende una parte importante della popolazione attiva. Per motivi di necessità economica, una grande parte del settore informale già abbraccia i principi circolari, contribuendo così al flusso circolare di materiali all'interno dell'economia.

Ma molti lavoratori informali lottano con la mancanza di protezione sociale e le infrastrutture povere, con conseguenti rischi per la salute. Alcune aziende hanno imparato a operare in modo efficace in un tale scenario. Per esempio, Rede Asta ha creato una piattaforma online per supportare una rete di artigiani che recuperano materiali provenienti da rifiuti aziendali e urbani.

Gli artigiani trasformano questo materiale in prodotti da regalo su misura che vengono poi venduti ad aziende e ad altri clienti. La piattaforma Rede Asta aiuta ad aumentare i redditi ma anche per migliorare la connettività e la condivisione delle risorse all'interno della rete artigianale.

Più della metà dei 200 milioni di abitanti sono considerati appartenenti alla classe media, con un reddito familiare superiore a 3200 Real/mese (830 €). Per questo il Brasile rappresenta un grande mercato per i consumatori. È quindi logico mantenere il valore di molti beni di consumo venduti e distribuiti.

Ma il Brasile copre un'area molto vasta, con un terreno impegnativo, e pertanto l'attuazione di schemi di logistica inversa (i cosiddetti resi) può essere talvolta estremamente difficile. Nel settore elettrico ed elettronico, eStoks fornisce un buon esempio di come queste sfide possano essere trasformate in un'opportunità di business.
È stato stimato che il 5% dei prodotti sul mercato è restituito dai consumatori a causa di difetti minori.

Il valore di questi prodotti classificati come "spreco pre-consumo" ammonta a un potenziale 7,7 miliardi di BRL (2 miliardi di €) di mancate entrate. La maggior parte degli impianti di produzione del paese ha sede nelle regioni del sud e quelle sudorientali, che è anche il principale mercato del consumo; questo però è anche lontano da un altro hotspot importante del consumo nel nord-est.

Comprendendo questo, eStoks ha istituito centri di logistica e riparazione inversa in questa regione per ottimizzare la logistica e trasformare i rifiuti pre-consumo in prodotti vendibili.

Il marchio di abbigliamento, AHLMA sta tentando di cambiare mentalità e di introdurre questo cambiamento in uno dei settori più lineari del mondo, ovvero l'industria della moda. L'approccio circolare di AHLMA copre l'intero ciclo di vita dei loro indumenti: dall'accaparramento dei materiali fino alla vendita finale.

Ciò comprende anche la progettazione, la logistica, il magazzino, il packaging riutilizzabile, le istruzioni per estendere la vita del prodotto, laboratori di pulizia e riparazione non tossica per la manutenzione e la modifica dei capi per renderli più attuali. La società sta coinvolgendo tutte le parti interessate del settore della moda per rivedere il modo di operare sul mercato.

Questi quattro casi sono solo un esempio delle molte aziende in Brasile pioniere di un approccio più sistematico e rigenerativo alle loro operazioni.

Scrivi un commento