riusa logotype

Eolico offshore: avviati i mega-impianti

Mega impianto eolico offshore

L'avvio in pompa magna del gigantesco impianto Rampion sottolinea che il settore eolico offshore sta diventando maturo.

Il colosso energetico europeo E.ON ha annunciato questa settimana che le prime kilowattore provenienti dal parco eolico Rampion al largo delle coste del Sussex sono state consegnate con successo agli utilizzatori, dopo che la prima delle 116 turbine è stata messa in funzione.

L'installazione di turbine da 400MW, iniziata a marzo di quest'anno, si è conclusa anticipatamente in poco più di sei mesi. "Siamo particolarmente orgogliosi di aver raggiunto questo traguardo per Rampion", ha dichiarato Matthew Swanwick, direttore del progetto per la Rampion Offshore Wind Farm. "Nelle prossime settimane e mesi le turbine inizieranno ad essere attivate una per una e genereranno energia una volta messe in rete. Questo processo nel 2018 andrà a completarsi."

Il progetto è stato sviluppato da E.ON, UK Green Investment Rampion Ltd e Enbridge, società canadese di infrastrutture energetiche. Quando sarà completato l'anno prossimo, fornirà energia pulita a quasi 347.000 case.

Il traguardo arriva pochi giorni dopo l'apertura ufficiale dei 402 MW del parco eolico offshore Dudgeon al largo della costa di Norfolk, con l'operatore Statoil e i suoi partner Masdar e Statkraft che hanno ridotto i costi di costruzione del 15% rispetto al budget iniziale di 1,5 miliardi di sterline.

Inoltre, l'operatore svedese di energie rinnovabili Vattenfall ha emesso un ordine "di dimensioni storiche" che vedrà Siemens Gamesa fornire turbine a tre nuovi parchi eolici offshore danesi.

La società ha dichiarato che i tre parchi eolici (Kriegers Flak nel Mar Baltico, e Vesterhav Sud e Vesterhav Nord nel Mare del Nord) richiederanno 1,7 miliardi di euro di investimenti e sono destinati a fornire 1 GW di capacità.

Le gare per Kriegers Flak e Vesterhav Syd e Nord sono state vinte nel 2016 a un prezzo straordinariamente basso, record del mondo: 0.050 EUR/kWh e 0.061 EUR/kWh, rispettivamente.

Per soddisfare offerte così competitive, Vattenfall ha seguito la tendenza del settore verso turbine sempre più grandi che promettono di offrire minori costi operativi e maggiori rendimenti. L'ordine riguarda 113 turbine da 8 MW cadauna in totale, con 72 turbine previste per il progetto Kriegers Flak e 41 turbine pianificate a Vesterhav Sud e Nord.

"L'investimento in questa tecnologia all'avanguardia per i nostri parchi eolici moderni contribuisce in modo significativo al nostro obiettivo di costruire più energia rinnovabile secondo la nostra strategia", ha dichiarato Gunnar Groebler, responsabile di Vattenfall Wind, in riferimento all'impegno costante verso le energie rinnovabili.

Il settore è in frenetico movimento. Il produttore di turbine eoliche offshore MHI Vestas Offshore Wind ha annunciato di aver firmato un accordo con BOW Terminal nei Paesi Bassi per costruire un nuovo impianto di pre-assemblaggio di turbine presso il porto di Vlissingen.

Nel frattempo, il porto di Rotterdam è diventato il quinto partner ufficiale nel consorzio Hub Wind Hub del Mare del Nord e la società elettrica Ørsted (ex Dong Energy) ha dichiarato di aver salvato 150 posti di lavoro nella regione inglese del Teesside, attraverso accordi per la produzione di circa metà dei pezzi dell'impianto gigante Hornsea One Project, in costruzione nella regione.

Scrivi un commento