riusa logotype

I problemi delle bioplastiche

Monouso

Il problema della plastica e le alternative naturali: fanno bene o male?

Le bioplastiche rappresentano ancora solo l'1% della produzione mondiale di materie plastiche, ma il settore è in impetuosa espansione. Per questo è attualissimo il dibattito sulla loro effettiva utilità, di cui vi abbiamo già dato conto in Occhio ai proclami sulle bioplastiche.

I gusci di gamberetti e le alghe sono solo due dei materiali naturali con cui gli scienziati stanno lavorando per sviluppare imballaggi in plastica più sostenibili. In un settore che si stima possa raggiungere circa 7 miliardi di euro entro il 2022, la gara è destinata a sviluppare materiali che possono sostituire le materie plastiche a base di petrolio, che possono avere un effetto dannoso sugli oceani, sulla fauna selvatica e sulla salute pubblica.

L'azienda californiana Full Cycle Bioplastics ha sviluppato una tecnica per trasformare scarti di cibo e altri rifiuti organici in una plastica compostabile; secondo loro il materiale sarà economico quanto le materie plastiche a base di petrolio se prodotto su larga scala.

L'amministratore delegato della compagnia, Andrew Falcon, si aspetta di avere un impianto dimostrativo attivo e funzionante all'inizio del prossimo anno. Sostiene che la loro sperimentazione potrebbe ridurre la dipendenza dai combustibili fossili e facilitare l'inquinamento delle materie plastiche: nell'oceano o sulla terra, il materiale si decomporrebbe senza rilasciare tossine nell'ambiente.

Il prodotto appartiene a una famiglia di bioplastiche note come poliidrossialcanoati (PHA), polimeri generati da alcuni batteri quando vengono nutriti con alimenti, compresi gli zuccheri. Scoperti per la prima volta decenni fa, sono stati frenati dal successo commerciale da alti prezzi di produzione.

Ma le scoperte tecnologiche e gli investimenti crescenti stanno spostando il panorama, e secondo quanto affermato dalla European Bioplastics, un'associazione di categoria, la produzione di PHA è quasi quadruplicata tra il 2016 e il 2021. Tuttavia, con l'aumentare della gamma di materiali, aumentano anche le preoccupazioni sia per la confusione dei consumatori che per il tanto discusso greenwashing, con gli attivisti che avvertono che non siamo di fronte alla bacchetta magica pronta a risolvere la crisi causata dalla plastica.

Rob Opsomer, della Ellen MacArthur Foundation, organizzazione benefica britannica, ritiene che alcune bioplastiche possano apportare benefici se smaltite in modo appropriato. Ma è preoccupato che queste soluzioni, compostabili, biodegradabili, a base biologica, possano lasciare i consumatori incerti su cosa fare con le loro bioplastiche una volta terminato il loro utilizzo.

Le materie plastiche compostabili, non possono essere semplicemente buttate nel terreno, ma devono essere inviate ad un impianto di compostaggio industriale. In più, al contrario di ciò che si pensa, molti prodotti a base biologica non sono affatto biodegradabili. La PlantBottle di Coca Cola, ad esempio, sebbene in parte derivata dalla canna da zucchero, è chimicamente identica alle bottiglie di polietilene tereftalato (PET) difficili da demolire. Il vantaggio è solo quello di poter essere riciclato molte volte.

Jo Ruxton, co-fondatore del gruppo di ricerca Plastic Oceans, ha affermato che le bioplastiche possono causare danni di non poco conto se finiscono nel posto sbagliato. Anche le materie plastiche definite biodegradabili possono impiegare anni per sciogliersi nel mare, periodo in cui possono infliggere molti danni: possono essere scambiati per cibo e ingeriti e intrappolare gli animali.

Al di là della questioni tecniche, Rhoda Trimingham, professoressa senior in design e tecnologia presso l'Università di Loughborough, è preoccupato che le bioplastiche possano semplicemente aiutare a incoraggiare la cultura dell'usa e getta.

Le cialde solubili che contengono detersivi monodose in forma concentrata, per esempio, possono risparmiare energia e materiali. Ma alcune aziende li considerano una licenza per continuare a fabbricare beni usa e getta, come sostiene Trimingham, aggiungendo che non conta solo quello che fai una volta terminato l'utilizzo di un prodotto, bisogna anche calcolare l'energia all'inizio per crearlo.

Tom Szaky, amministratore delegato del settore riciclaggio di TerraCycle, concorda sul fatto che esiste un serio punto di domanda sull'efficienza. Sebbene lo sviluppo di bioplastiche durevoli riducano l'uso di petrolio e si adattino al sistema di riciclaggio esistente, le materie plastiche compostabili sono un passo negativo, in quanto vengono sprecate risorse preziose come terra ed energia per creare un prodotto usa-e-getta.

Dal punto di vista ambientale, non ha senso prendere una pianta, trasformarla in un petrolchimico altamente raffinato, per poi usarla una sola volta e trasformarla in qualcosa di effettivamente peggiore del suolo. Diverso sarebbe il discorso se le plastiche compostabili fossero prodotte da prodotti di scarto.

Inoltre, non va trascurato il problema della raccolta. Perché il sistema compostabile funzioni, le aziende devono iniziare a assumersi la responsabilità della dispersione degli scarti del packaging che utilizzano. Alcuni esercenti distribuiscono premi ai clienti quando restituiscono una certa quantità dei loro prodotti compostabili.

Scrivi un commento