riusa logotype

Riciclabili in Cina: anche il Canada è in crisi

Impianto riciclaggio Quebèc

La crisi del riciclo, a causa del divieto alle importazioni della Cina dei materiali riciclabili, colpisce anche il Canada. In particolare, nello stato del Quebec, circa il 60% dei materiali raccolti è inviato all'estero, soprattutto in Cina.

Gli ambientalisti si chiedono cosa accadrà di tutto il materiale in eccesso che viene raccolto e cernito in provincia. "Essenzialmente, quello che sta succedendo è che si esporta meno verso la Cina, quindi il materiale rimane in Quebec. E si stocca, si stocca e ancora si stocca," sostiene Karel Ménard, direttore del gruppo ambientalista Front commun québécois pour un sistema gestionale écologique des déchets (FCQGED - Fronte comune per un sistema di gestione dei rifiuti).

Secondo Ménard, solo il 40% del materiale raccolto in Quebec è selezionato e poi trasformato in nuovi prodotti nella stessa provincia. L'altro 60% viene venduto all'estero, soprattutto in Cina. Ma la Cina prevede di impedire le importazioni di rifiuti entro la fine dell'anno. Il divieto prevede diversi tipi di materiali come la plastica, il vetro e gli pneumatici. Il motivo principale del divieto è l'alto grado di contaminazione dei riciclabili importati con rifiuti, cosa che ha letteralmente trasformato il gigante asiatico nella discarica del mondo.

Recyc-Québec, l'agenzia che assiste il governo nei piani di riduzione dei rifiuti, si oppone vivacemente all'eventualità che l'eccedenza raccolta in Quebec finisca nelle discariche. "Ci rifiutiamo di procedere alla sepoltura dei materiali, anche come ultima risorsa o 'soluzione temporanea'," ha dichiarato Recyc-Québec in un documento. L'agenzia ha aggiunto che una possibile soluzione potrebbe essere la ricerca di acquirenti in Quebec.

Intanto un'inchiesta recente su 30 impianti di riciclaggio della provincia, rivela il cattivo stato di salute del settore. I lavoratori del settore del riciclo in Quebec avvertono che l'industria è in pericolo e gli impianti stanno chiudendo.

"È un periodo difficile. Penso che il modello attuale di riciclaggio sia ormai obsoleto. C'è bisogno di cambiamenti," ha dichiarato Johnny Izzi, direttore generale di Gaudreau Environnement. Izzi gestisce diversi impianti di riciclaggio in Quebec e dice che i costi operativi stanno diventando troppo alti. Un suo impianto di riciclaggio di vetro a Longueuil ha chiuso le sue porte la scorsa estate.

"Abbiamo perso più di 2 milioni di dollari negli ultimi due anni. Abbiamo tenuto duro solo perché crediamo nel trattamento del vetro e siamo contro la discarica," ha detto Izzi, aggiungendo che una volta che l'impianto si è arrestato, tutto il vetro è finito inevitabilmente in discarica. A giugno, un impianto di riciclaggio di plastica ha dichiarato fallimento, anche se continua ad operare con qualche aiuto da parte del governo.

Gli esperti dicono che le centrali di riciclo stanno perdendo soldi perché il mercato di vendita di materiali riciclati è al minimo da tempo, mentre i costi operativi sono in aumento. Inoltre, molte plastiche presenti sul mercato contengono nuovi tipi di materiali e molte strutture in Quebec non hanno la tecnologia per elaborarle correttamente.

Per costruire o ammodernare le apparecchiature servono milioni di dollari. Non tutti gli impianti di riciclaggio possono permetterselo. Un altro problema è la cattiva educazione dei cittadini: si stima che circa il 15 per cento del contenuto dei rifiuti riciclabili sia in realtà spazzatura.

Anche con la tecnologia dei sorters ottici, non tutti gli elementi indesiderati vengono rimossi dal mix. Ciò diminuisce la qualità del prodotto finale. E, come abbiamo visto, la qualità scarsa è il principale motivo della chiusura delle frontiere cinesi, vero e unico gigante del riciclo mondiale.

Scrivi un commento