riusa logotype

Marghera e la rabbiosa accusa della Banda Bassotti

Marghera2

Ancora la città di Marghera al centro dell'attenzione di musicisti. Questa canzone è meno divertente e ironica della precedente, ma l'argomento è serio.

I Pitura Freska avevano cantato il sogno di una Marghera più sana, (vedi Marghera, la Montedison e il sogno dei Pitura Freska) con un ambiente alternativo a quello inquinato.

Qualche anno più tardi, si è aggiunto il collettivo musicale della BandaBassotti che ha dedicato al petrolchimico lagunare una canzone: Marghera 2 novembre. Quest'ultima non è una data casuale: fu il giorno in cui furono assolti i 28 dirigenti della Montedison, imputati per strage, omicidio colposo e lesioni plurime ai danni di 157 operai morti e decine di malati.

Questi lavoratori furono esposti al CVM/PVC, gravemente nocivo per la salute. Non si può dimenticare che per decenni vi fu uno sversamento di tonnellate di rifiuti tossici nella laguna e nell'entroterra, provenienti dagli impianti del petrolchimico.

Nel 2010 la sentenza venne ribaltata ma fu troppo tardi: di fatto erano scaduti i tempi processuali e i colpevoli godettero della prescrizione dei reati. Cadde anche in prescrizione il reato di disastro ambientale in laguna veneta. Probabilmente è per questo che a "Marghera non si sogna più".

Marghera 2 novembre
Quanto disagio di una generazione stanca della bugia
Ancora 160 operai morti di gas e sfruttamento
I porci tutti assolti come sempre ridendo da chi servo ubbidisce
Stato incivile regna sovrano
Falso come suo solito vive nell'impunità vera
dove si è sempre boia e mai – dico mai – condannati…
Ancora non sempre scrivo d'amore ma sogno ancora
Sogno il Fuoco, Fuoco e Fiamme…
Politici mercanti
Fingono non sapere
Suonava la sirena
E gli operai andavano a morire
Non ci basta la metà dell'aria
Non ci basta la metà del sole
La metà di questa nostra vita chiusa dentro una fossa comune
A Marghera si muore due volte
Grazie, giornalisti e magistrati
Grazie, cavalieri del lavoro
A Margherà non si sogna più

Riferimenti

Scrivi un commento