riusa logotype

Adidas e le scarpe realizzate con i rifiuti

Adidas

Le nuove scarpe realizzate con i rifiuti riciclati dagli oceani.

In vendita le nuove scarpe realizzate con i rifiuti riciclati dei nostri oceani. "Ne produrremo un milione nel 2017" afferma il gigante degli articoli sportivi che ha deciso di lanciare questa novità per sensibilizzare l'opinione pubblica, e non solo, verso l'ambiente, soffermandosi sull'inquinamento marino.

Per ora produrranno circa 7000 paia ma mirano all'espansione per eliminare definitivamente la plastica dai loro processi di produzione e distribuzione. Visto il progetto a dir poco ambizioso, Adidas sta collaborando con Parley for the Oceans, associazione ambientalista che da anni attraverso le sue campagne vuole sensibilizzare la popolazione verso l'inquinamento degli oceani.

L'obiettivo dichiarato dell'iniziativa è quello di rivedere il design dei prodotti al fine di ridurre il problema della plastica presente in mari e oceani. Le scarpe, chiamate UltraBOOST Uncaged Parley, saranno vendute da metà novembre sia nei negozi che online al prezzo di 220 dollari e potranno essere riconosciute dal loro speciale design.

L'obiettivo reale è invece quello di vendere a un prezzo stratosferico un prodotto che lava la coscienza del consumatore e l'immagine del produttore, in realtà un marchio che non sta facendo molto per alleviare il proprio impatto sulla natura.

Le scarpe per ecofighetti saranno realizzate per il 95% con plastica riciclata raccolta alle Maldive, mentre il restante 5% sarà costituito da altri materiali riciclati. Cyrill Gutsch, fondatore di Parley for the Oceans, associazione che aiuta Adidas in questa delicata operazione di lavaggio, ha affermato che nessuno, individualmente, è in grado di salvare gli oceani ma ognuno ha un ruolo fondamentale nella risoluzione di questo enorme problema.

Si attende la risposta dei consumatori, che probabilmente premierà il greenwashing di Adidas.

Scrivi un commento