riusa logotype

Sorpresa: cala l'utilizzo di energia nel mondo

energia_verde

Questa strana economia: qui cala, altrove viaggia come un treno, nel complesso cresce. Ma, a sorpresa, l'utilizzo di energia scende. E non sembra un dato eccezionale, anzi è destinato a consolidarsi.

Secondo i nuovi dati del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, la quantità totale di energia, derivante da carbone, petrolio, gas e rinnovabili, sta cadendo velocemente, segno evidente che la crescita economica sta avendo un impatto minore sui cambiamenti climatici rispetto al passato.

La quantità di energia che viene utilizzata per unità di prodotto interno lordo è nota come intensità energetica, un importante indicatore di avanzamento per i paesi che stanno contrastando i cambiamenti climatici. Si misura in British Thermal Unit per dollaro americano di PIL. A livello globale, l'intensità energetica è scesa del 30 per cento dal 1990 e circa del 2 per cento tra il 2014 e il 2015.

"È un'ottima notizia"
, sostiene il climatologo Michael Mann della Penn State University. "Il crollo dell'intensità energetica globale è un'indicazione molto chiara che le misure di efficienza energetica stanno sulle emissioni globali di CO2 stanno funzionando."

Un altro indicatore chiave è l'intensità di CO2 - quanta anidride carbonica viene emessa pro capite. "È anch'essa in calo, a causa della rapida transizione in atto dai combustibili fossili verso le energie rinnovabili", dice Mann. Inutile aggiungere che gran parte dell'energia utilizzata per l'economia globale deriva da combustibili fossili.

Un'altra sorpresa è che l'intensità energetica negli Stati Uniti, paese storicamente crapulone e sprecone, è più o meno nella media rispetto ad altri grandi paesi. Il Dipartimento USA dell'Energia (EIA) ha stimato che l'intensità energetica in tutto il mondo è stato di circa 5.500 BTU (British Thermal Unit) per dollaro di PIL nel 2015, mentre gli Stati Uniti hanno consumato circa 5.900 Btu per dollaro l'anno scorso.

Sempre secondo questa bellissima tabella dell'EIA, l'Europa viaggia su altri livelli (4,2 BTU/$) mentre Canada e Russia indossano la maglia nera tra i paesi industrializzati (9,8 BTU/$). Paesi in via di sviluppo come India (3,8 BTU/$) e Messico (3,7 BTU/$) sono molto più virtuosi.

Fino a poco tempo, economia ed emissioni di gas serra a livello globale viaggiavano insieme, aumentando o diminuendo contemporaneamente: se l'economia tirava, si portava dietro maggiori consumi di combustibili fossili, viceversa se rallentava. La rottura di questa correlazione è un segnale importante. I dati dell'EIA hanno visto prima la stasi delle emissioni tra il 2013 e il 2014 con l'economia in crescita, ma nel 2015 assistiamo all'inversione di segno.

Il motivo: più energia elettrica è stata prodotta da fonti rinnovabili e gas naturale rispetto al passato, ma soprattutto l'energia viene utilizzata in modo più efficiente.

"A livello globale, il calo dell'intensità energetica è dovuto a una varietà di fattori, che vanno dai cambiamenti strutturali nelle economie (la cosiddetta digitalizzazione) a incrementi di efficienza come a esempio nell'uso del carburante, e alla modifica dei comportamenti dei consumatori," sostiene l'EIA per bocca dell'analista Ari Kahan.

Edifici termicamente più efficienti, motori e centrali energetiche più moderni stanno riducendo la quantità di energia consumata per persona a livello globale. L'efficienza da sola, secondo una ricerca svolta in alcuni paesi industrializzati, avrebbe ridotto il consumo energetico del 18 per cento tra il 1990 e il 2014.

A livello globale, l' EIA prevede che sia l'intensità di energia che di CO2 globali diminuiranno gradualmente nel corso dei prossimi 25 anni. "Stiamo facendo progressi", sostiene Mann, "ma abbiamo bisogno di maggiore impegno dalla politica per accelerare la transizione dai combustibili fossili, se vogliamo stabilizzare il riscaldamento al di sotto livelli pericolosi."

Un impegno della politica, che, dopo gli squilli di tromba di Parigi l'anno scorso, sembra stia inesorabilmente sparendo dalle agende.

Scrivi un commento