riusa logotype

Migrazioni climatiche

Aumento livello del mare

Alle migrazioni per guerre e carestie si aggiungeranno presto quelle dovute all'aumento del livello del mare. Scienziati misurano i possibili effetti sull'organizzazione delle città interne.

Quando l'uragano Katrina ha colpito la Louisiana nel 2005, le città dell'entroterra hanno visto un flusso di sfollati che sfuggirono alla tempesta e alle sue conseguenze. Ora, un nuovo studio della University of Georgia prevede che questo potrebbe accadere di nuovo a causa di un aumento del livello del mare.

In un documento pubblicato su Nature Climate Change, i ricercatori stimano che 13,1 milioni di persone potrebbero essere sfollate dalle acque oceaniche in aumento solo negli Stati Uniti, con Atlanta, Houston e Phoenix come destinazioni principali. Lo studio è il primo tentativo di modellizzare la destinazione di milioni di migranti potenzialmente sfollati provenienti da comunità costiere molto popolate.

"Di solito pensiamo all'aumento del livello del mare come un problema costiero, ma se le persone sono costrette a muoversi perché le loro case sono inondate, la migrazione potrebbe influenzare anche molte comunità non costiere", ha detto l'autore principale dello studio, Mathew Hauer, dottorato in Geografia presso il Franklin College of Arts and Sciences.

I dati sull'aumento del livello del mare sono copiosi e possono aiutare a pianificare lo sviluppo di infrastrutture critiche, ma esistono pochi studi sul movimento di sfollati e famiglie. Nessun studio precedente spiega come la migrazione causata dall'aumento del livello del mare influenzerà la popolazione delle aree non costiere direttamente interessate.

Le relazioni tra fattori di stress ambientali e migrazione sono molto complessi, in quanto le risposte variano con riguardo a una migrazione temporanea, su distanze brevi, o a una migrazione permanente a lunga distanza. L'aumento del livello del mare è un fattore di stress ambientale unico, perché converte in modo permanente le terre abitabili in acqua inabitabile.

Il nuovo studio combina le stime delle popolazioni a rischio per l'aumento del livello del mare con un sistema di simulazione della migrazione per calcolare sia il numero che le destinazioni delle potenziali migrazioni dovute all'aumento del livello del mare negli Stati Uniti nel corso del prossimo secolo.

"Alcune delle destinazioni previste, come Las Vegas, Atlanta e Riverside, in California, sono già ora in crisi per la gestione delle risorse idriche o per la gestione della crescita interna," ha dichiarato Hauer. "L'integrazione delle strategie di accoglienza nella pianificazione strategica a lungo termine potrebbe contribuire ad alleviare la potenziale futura intensificazione di queste sfide".

Scrivi un commento