riusa logotype

L'inquinamento atmosferico maggiore problema in UE

L'inquinamento atmosferico è ora "il più grande rischio ambientale" per la salute pubblica in Europa, ma i governi non riescono ad affrontare adeguatamente la crisi, ha rilevato la Corte dei conti dell'UE.

L'aria tossica uccide ogni anno circa 400.000 europei. Ma i governi sono quasi tutti impotenti e violano sistematicamente i limiti della qualità dell'aria dell'UE dal 2010. Per loro, ora si preparano multe multimilionarie di fronte alla corte europea. Queste le conclusioni di un rapporto piuttosto perentorio della Corte dei Conti UE, pubblicato sul loro sito pochi giorni fa.

L'Italia è sotto accusa per le micro particelle (PM10). Il monito riguarda anche altri Stati, come Italia, Ungheria e Romania, sempre per la stessa ragione. Francia e Germania sono stati deferiti per aver superato, come Italia e Regno Unito, i limiti di biossido di azoto (NO2).

L'eurodeputato Seb Dance, vicepresidente laburista al Parlamento europeo, si scaglia contro l'attuale governo conservatore: "Perché mai qualcuno dovrebbe credere ai Tories quando affermano di guidare una Brexit verde, quando non riescono nemmeno a raggiungere gli obiettivi di inquinamento di base già fissati a livello europeo?" chiede. "Il tempo stringe per proteggere chi è a rischio e questo governo ha dimostrato più volte che non è disposto a farlo."

Ma il Regno Unito è stato solo uno degli 11 paesi accusati dalla Corte di conti UE di negligenza in fatto di qualità dell'aria.

In Italia la procedura di infrazione che riguarda il superamento dei limiti di PM10 è iniziata nel 2014. Ma anche noi abbiamo superato i valori consentiti di biossido di azoto nell'atmosfera. Anche l'inizio di questo problema risale a qualche anno fa, ma fino ad ora non si erano avuti deferimenti presso la Corte di Giustizia Europea.

Nel rapporto, il tribunale dell'UE chiede che le leggi europee sulla qualità dell'aria siano allineate alle norme dell'OMS, che sono almeno due volte più restrittive per le emissioni di particolato (PM2,5 e PM10) e sei volte più severe per il biossido di zolfo (SO2).

Janusz Wojciechowski, autore principale dell'audit, sostiene che la scala del bilancio delle vittime silenziose causato dall'aria avvelenata è "decisamente non accettabile".

"Abbiamo una crisi di salute pubblica in Europa a causa dell'inquinamento atmosferico," ha affermato. "Più di 1.000 morti al giorno in tutta l'UE [e] oltre l'un per cento del totale giornaliero dei decessi nell'UE, 10 volte superiore al numero di [decessi per] incidenti automobilistici."

"L'inquinamento atmosferico dovrebbe essere trattato come una priorità dall'UE," ha aggiunto. "Speriamo che nel prossimo periodo finanziario lo sarà."

Wojciechowski ha osservato che il blocco spende attualmente 3,4 miliardi di euro dei suoi fondi di coesione finanziando la combustione di biomassa altamente inquinante, quasi il doppio rispetto agli 1,8 miliardi di euro che riserva per combattere l'inquinamento atmosferico.

Il documento dei revisori consiglia una rivalutazione delle priorità di finanziamento europee e un aumento dell'attuale periodo di sei-otto anni prima di rinviare le violazioni di legge al tribunale europeo.

Gli auditor hanno inoltre osservato standard molto divergenti per le stazioni di monitoraggio dell'inquinamento.

Uno, a Ostrava, nella Repubblica Ceca, non ha riportato dati convalidati nonostante abbia superato il limite giornaliero di particolato 98 volte nel 2015. Un altro, vicino agli uffici della Commissione europea a Bruxelles, è stato chiuso "per lavori" dopo aver riportato letture molto elevate di biossido di azoto nel 2008. Non ha mai riaperto.

C'è il rischio che i dati di monitoraggio utilizzati dalla Commissione europea siano "poco credibili", ha affermato Wojciechowski.

Scrivi un commento