riusa logotype

Effetti del divieto cinese di importazione della plastica

Plastic film

Il nuovo regime cinese sulle importazioni di scorie divieto di rifiuti di plastica in Cina potrebbe creare a lungo termine 111 milioni di tonnellate di rifiuti senza destinazione finale.

Come noto, dal 31 dicembre 2017, la Cina ha bloccato alla frontiera una massa impressionante di rifiuti di plastica che paesi stranieri come UE e Stati Uniti inviavano per il riciclo. Per calcolare l'impatto di tale divieto, i ricercatori dell'Università della Georgia hanno esaminato la quantità di rifiuti di plastica importati dalla Cina dal 1988 al 2016. Hanno concluso che entro il 2030 il divieto potrebbe lasciare orfane 111 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Science Advances.

Dal 1988, quasi la metà degli scarti di plastica del pianeta, come bottigliette monouso, confezioni di alimenti e buste di plastica, è stata spedita in Cina, dove il materiale viene riciclato per produrre altri prodotti di plastica. Il divieto del 2017, tuttavia, ha lasciato paesi come Stati Uniti e UE a rimuginare su cosa fare con tutti i rifiuti di plastica rimasti sul groppone. Molte aziende hanno dirottato gli scarti nelle discariche. Lo studio in questione è il primo a domandarsi quali saranno le conseguenze del divieto. Le conclusioni sono ovviamente puntate sullo spronare il sistema produttivo a diventare circolare, ovvero a ripensare al modo in cui riutilizzare la plastica.

"Ci sono segmenti della filiera più critici di altri, e il collocamento dei rifiuti è certamente uno di questi," afferma Daniel Hoornweg, professore associato di sistemi energetici e scienza nucleare presso l'Università della Ontario Institute of Technology. "Fermando la fase del riciclo, si rischia di fermare l'intero settore della plastica, che è fondamentale per il nostro sistema economico."

Paesi come gli Stati Uniti hanno inviato più di 10 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica in Cina negli ultimi trent'anni. I rifiuti di plastica sono spesso in condizioni miste quando raggiungono il cestino, poiché molti paesi chiedono ai residenti di riciclare plastica, vetro e carta tutti insieme. La cernita e la separazione dei rifiuti richiede energia, e quell'energia costa denaro che i paesi, come gli Stati Uniti, non sono disposti a spendere, dice l'autrice dello studio Amy Brooks, studentessa di ingegneria ambientale all'Università della Georgia. "Era più economico buttare [la spazzatura] su una barca e mandarla all'estero piuttosto che affrontarla qui," dice.

Dopo tutti questi anni, la Cina ha deciso di mettere fine a questo andazzo. "Non avrebbe dovuto essere una sorpresa per nessuno," afferma Hoornweg. "L'economia cinese è cresciuta più velocemente di chiunque altro." Con il miglioramento della qualità della vita, il paese ha deciso di ridurre le emissioni, comprese quelle derivanti dalla lavorazione e dalla distruzione della plastica, afferma Hoornweg. Il divieto è parte della spinta della Cina a diventare un paese meno inquinato. Ma cosa significa il divieto per il resto del mondo?

Per rispondere a questa domanda, Brooks e il suo team hanno avuto accesso al Database sulle merci delle Nazioni Unite, che funge da libro mastro per il commercio internazionale di tutto, compresi i rifiuti di plastica, dal 1962. I ricercatori hanno esaminato la quantità di rifiuti di plastica importati dalla Cina ogni anno dal 1988, quando il database delle Nazioni Unite ha iniziato a rilevare il commercio di rifiuti di plastica. Hanno raccolto dati su ogni possibile tipo di plastica che riuscivano a trovare, dal PVC rigido dei tubi al polietilene più sottile che compone i sacchetti di plastica.

Hanno scoperto che la Cina ha assorbito oltre il 45% dei rifiuti di plastica nel mondo dal 1992. Solo nel 2016 la Cina ha importato più di 7 milioni di tonnellate di rifiuti, per ricostruire parte dei quasi 61 milioni di tonnellate che il paese aveva prodotto. Sulla base di queste tendenze, i ricercatori hanno stimato che a causa del divieto di spazzatura, entro il 2030 saranno 111 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica non si sa dove andranno a finire.

Paesi come Stati Uniti e Unione Europea, Regno Unito e Germania in primis, dovranno trovare nuovi modi per affrontare tutta questa spazzatura in più. L'invio alle discariche locali è un'opzione; l'incenerimento è un'altra. Peccato che entrambe abbiano pesanti aspetti negativi, come la produzione di inquinamento atmosferico che può portare a una serie di problemi di salute, soprattutto respiratori. Un'altra opzione è quella di inviare la spazzatura ad altri paesi nel sud-est asiatico, come le Filippine e il Vietnam, dice Hoornweg. Ma questi paesi, che comunque hanno i loro problemi per affrontare la propria plastica, spesso mancano delle infrastrutture per gestire tali rifiuti, per cui hanno previsto anch'essi l'implementazione di restrizioni simili a quelle della Cina.

L'opzione migliore, secondo Brooks, è quella di vietare l'uso di oggetti monouso come cannucce e bicchieri di plastica in primo luogo. La scelta di bottiglie e sacchetti riutilizzabili può ridurre la quantità di rifiuti di plastica prodotti ogni anno. "Queste sono cose davvero semplici da fare", afferma Brooks. "E so che le persone non si sentono davvero in grado [...] ma quando milioni di persone iniziano a farlo, questo farà assolutamente la differenza."

Scrivi un commento