riusa logotype

Emissioni: la Cina raggiunge gli obiettivi in anticipo

China renew target

Secondo alcuni studi, la Cina starebbe per raggiungere gli obiettivi di sostenibilità ambientale con circa 12 anni di anticipo. Ma la tendenza recente smentisce questi dati.

La Cina potrebbe aver già centrato l'obiettivo delle emissioni che si era prefissato quando ha firmato l'accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, secondo uno studio.

Al vertice del 2014, la Cina, la più grande fonte di emissioni di carbonio del mondo, aveva promesso che le sue emissioni di CO2 avrebbero raggiunto il picco entro il 2030. Ma secondo uno studio, l'impegno potrebbe essere già stato adempiuto mentre erano in corso le riunioni.

Questo è quanto hanno concluso gli scienziati che studiano la produzione di CO2 del Paese tra il 2007 e il 2016. Durante questo periodo la crescita economica aveva rallentato e l'uso delle centrali a carbone era diminuito.

La ricerca, guidata dal professor Dabo Guan dell'Università di East Anglia e pubblicata il mese scorso sulla rivista Nature Geoscience, afferma che le emissioni della Cina hanno raggiunto il picco nel 2013 a 9,53 gigatonnellate di CO2, e sono diminuite ogni anno successivo fino al 2016, l'ultimo anno di rilevazione.

Guan ha dichiarato che "c'è stata una chiara rottura strutturale nel modello di emissione della Cina intorno al 2015. Il declino delle emissioni cinesi è strutturale e probabilmente continuerà in concomitanza della transizione che stanno affrontando il sistema industriale ed energetico mondiale", hanno dichiarato. "Non è certamente un calo significativo, ma è stabile", ha concluso Guan.

La conclusione è in netto contrasto con l'analisi dei dati del governo cinese pubblicati da Greenpeace a maggio di quest'anno, che si riferisce a un periodo molto più recente.

Analizzando l'aumento della domanda di carbone, petrolio e gas, hanno ricavato che le emissioni di CO2 della Cina per i primi tre mesi del 2018 sono state in realtà del 4% più alte rispetto allo stesso periodo del 2017, secondo lo studio, indicando un forte aumento dell'inquinamento.

Se il ritmo continuasse, sarebbe il più rapido aumento delle emissioni dal 2011. Secondo gli analisti, le emissioni sono aumentate rapidamente nel 2017, in quanto l'economia cinese ha recuperato in parte grazie allo stimolo del governo del 2016, che ha provocato un'impennata nei progetti di costruzione che hanno richiesto grandi quantità di energia.

La grande spesa per le industrie ad alta intensità energetica è proseguita fino al 2017, il che significa che la Cina ha rallentato i progressi climatici compiuti all'inizio di questo decennio, secondo Greenpeace.

Solo il tempo ci potrà dire se il 2013 sia stato un falso picco delle emissioni e che il peggio debba ancora arrivare, o se abbia invece ragione la squadra di Guan, e a essere falso sia stato il picco del 2017.

Scrivi un commento