riusa logotype

L'Irlanda disinveste dai combustibili fossili

Ireland fossil

Una legge approvata nella camera bassa del Parlamento è stata una vittoria per il movimento di disinvestimento globale.

Giovedì scorso l'Irlanda ha cessato di fornire fondi pubblici ai combustibili fossili, una svolta che segna il progresso più significativo fino ad oggi per una campagna di disinvestimento spinta dagli ambientalisti di tutto il mondo.

La camera bassa del parlamento ha approvato una legge che chiede al fondo sovrano del paese, valutato a 8,9 miliardi di euro, di uscire dai combustibili fossili "non appena possibile."

Un collaboratore di Thomas Pringle, il membro del Parlamento che ha proposto la misura, ha detto che il disegno di legge ha il sostegno del Primo Ministro Leo Varadkar e che dovrebbe diventare legge. Quando lo farà, l'Irlanda diventerà il primo paese a impegnarsi formalmente a disinvestire dai combustibili fossili.

Il voto del parlamento irlandese segue una raccomandazione della banca centrale norvegese fatto verso la fine del 2017 sul suo fondo sovrano che capitalizza 1000 miliardi di dollari (850 miliardi di euro), di disinvestire dalle compagnie petrolifere. Mentre la Norvegia, il più grande produttore di petrolio in Europa, non ha ancora deciso se seguire il consiglio, il suggerimento in sé è un segnale di calo della fiducia nel futuro del business petrolifero da parte di uno dei suoi principali attori.

Questo mese, la Chiesa d'Inghilterra ha disposto la vendita di titoli in proprio possesso di società di combustibili fossili che non hanno "allineato i loro piani di investimento commerciale con l'Accordo di Parigi" per ridurre il riscaldamento globale. E pochi giorni prima, il Papa aveva convocato i capi di alcune delle più grandi compagnie petrolifere del mondo esortandoli a intraprendere azioni rapide per scongiurare il cambiamento climatico.

Eamonn Meehan, direttore esecutivo di Trocaire, una lobby ambientale irlandese che ha spinto per il disegno di legge, ha scritto in una nota che la misura è "sia sostanziale che simbolica."

"Si dà una direzione chiara e concreta a del denaro pubblico, e si invia un chiaro segnale a livello nazionale e globale che l'azione contro la crisi climatica deve essere accelerata con urgenza, a partire dall'eliminazione dei combustibili fossili," ha detto.

La bozza originale del disegno di legge richiedeva il completo disinvestimento entro cinque anni. È stato successivamente modificato per consentire una maggiore flessibilità.

Su Twitter, il Green Party irlandese ha definito giovedì "un giorno storico". Il disegno di legge ora passa al Senato irlandese, che può ritardare ma non invertire la decisione della camera bassa.

Il movimento per il disinvestimento globale fa pressione sulle università, i fondi pensione e i fondi sovrani nazionali a togliere il loro sostegno dal carbone, dal petrolio e da altri combustibili che contribuiscono ai gas serra responsabili del riscaldamento globale. È simile alla campagna, condotta da studenti universitari negli anni '80, che spinse i fondi universitari a togliere i loro soldi dal Sudafrica dell'apartheid.

Non è chiaro quale impatto abbiano le campagne di disinvestimento sui corsi azionari dei combustibili fossili.

Tra tutti i paesi europei, l'Irlanda ha fatto pochi progressi nella riduzione delle emissioni di gas serra. Un recente sondaggio condotto da Climate Action Network, una rete di gruppi ambientalisti finanziata in parte dalla Commissione europea, ha rilevato che si collocava in fondo all'elenco, secondo solo alla Polonia.

Leo Varadkar, entrato in carica a giugno, ha detto di volere l'Irlanda "leader nell'azione per il clima". Vedremo.

Scrivi un commento