riusa logotype

Ocean Cleanup: la sfida ha inizio

Il sistema ideato per smantellare l'isola di plastica del Pacifico, la Great Pacific Garbage Patch, è stato varato la scorsa settimana.

System 001, il primo modulo della Ocean Cleanup, progettato dall'eco-pioniere olandese Boyan Slat, è attualmente in rotta dalla Baia di San Francisco al più grande cumulo di rifiuti marini del mondo, situato a metà strada tra le Hawaii e la California. Il sistema galleggiante è trainato dalla nave Maersk Launcher, che rimarrà nella destinazione finale come postazione di osservazione per diverse settimane.

La Great Pacific Garbage Patch contiene circa 1800 miliardi di pezzi di plastica e copre un'area pari a un terzo di quella dell'intera Unione Europea. Secondo Slat, la prima plastica verrà raccolta e restituita alla terra entro 6 mesi dal dispiegamento.

"Questa sarà la prima volta che della plastica galleggiante in mare sarà recuperata," commenta Slat. Ocean Cleanup prevede di riciclare il materiale in prodotti di fascia alta e utilizzare i proventi per finanziare le future missioni di bonifica.

Il giovane inventore spiega che la missione ha anche l'obiettivo secondario di raccogliere dati per migliorare la progettazione delle implementazioni successive. Per esempio, il sistema è dotato di sensori, telecamere e luci di navigazione a energia solare e satellitari per comunicare la posizione del sistema 001 al traffico marittimo in transito e consentire un monitoraggio completo del sistema e dell'ambiente.

L'Ocean Cleanup mira a crescere fino a una flotta di circa 60 sistemi schierati sulla Great Pacific Garbage Patch nei prossimi due anni. Slat crede che l'intera flotta possa rimuovere metà della plastica nell'area entro cinque anni.

La realizzazione di un sistema di raccolta dei rifiuti è "un traguardo importante," ha dichiarato Slat. È particolarmente importante l'arrivo della prima plastica a riva: ciò segnerà una fondamentale inversione di tendenza. Per 60 anni, l'umanità ha gettato plastica negli oceani. Da quel giorno in poi, inizierà il percorso inverso.

"Sono incredibilmente grato per l'enorme quantità di supporto che abbiamo ricevuto negli ultimi anni da persone di tutto il mondo," dice Slat. "Questo ci ha permesso di sviluppare, testare e lanciare un sistema per mitigare questo disastro ecologico," ha dichiarato all'inaugurazione del progetto.

Del sistema 001 abbiamo già parlato in Smantellare l'isola di plastica del Pacifico. Esso consiste in una barriera galleggiante a forma di U di 600 metri di lunghezza con una gonna di tre metri attaccata sotto. Il sistema è progettato per essere spinto dal vento e dalle onde, permettendogli di catturare passivamente i detriti di plastica. A causa della sua forma, i detriti saranno incanalati verso il centro del sistema. Muovendosi leggermente più veloce della plastica, il sistema agirà "come un gigantesco Pac-Man," sfiorando la superficie dell'oceano.

Finora sono stati investiti più di 20 milioni di dollari da varie parti per avviare lo sviluppo del sistema. Boyan Slat ha avuto l'idea nel 2013, quando aveva 18 anni e studiava alla Technical University di Delft nei Paesi Bassi.

Scrivi un commento