riusa logotype

2018: record di emissioni serra

Altro che Parigi! Le emissioni di gas che scaldano il pianeta raggiungeranno il massimo storico quest'anno, secondo un nuovo rapporto.

Secondo un importante rapporto, il 2018 è l'anno in cui le emissioni di gas serra raggiungeranno il massimo, allontanandosi, e non avvicinandosi, agli obiettivi stipulati a Parigi nel 2015. Le cifre sono l'ultima indicazione di quanto il mondo non sia in grado di raggiungere l'obiettivo di evitare i peggiori effetti del riscaldamento globale.

La notizia arriva proprio mentre i negoziatori delle nazioni unite si incontrano in Polonia per l'ultimo round di colloqui sul fronte del cambiamento climatico.

Il rapporto prende in esame tre studi diffusi mercoledì dal Global Carbon Project, che prevedono che le emissioni aumenteranno del 2,7% quest'anno. Si tratta di una collaborazione scientifica internazionale di accademici, governi e industria che traccia le emissioni di gas serra. L'aumento di quest'anno segue quello dell'1,6% dello scorso anno. Le emissioni erano rimaste comunque stabili nei tre anni precedenti.

"Forse, quest'anno è insolito," ha detto l'autrice principale Corinne Le Quere dell'Università di East Anglia. Ma probabilmente no, ha aggiunto. "Pensiamo che probabilmente le emissioni saliranno ancora per alcuni anni a meno che le cose non cambino drasticamente."

"Non sono così sorpreso", ha detto Alex Trembath del centro di ricerca di Breakthrough Institute, non coinvolto nella ricerca. "L'economia mondiale sta crescendo e il modo più semplice e scalabile per soddisfare la maggior parte di tale crescita proviene ancora dalle tecnologie dei combustibili fossili."

Le emissioni della Cina, la più grande fonte mondiale di gas serra, sono aumentate del 4,7% quest'anno. Le Quere dice che uno sforzo del governo per promuovere la costruzione e stimolare l'economia ha aumentato la domanda di acciaio, alluminio e cemento, tutti materiali ad alta intensità di emissioni.

Negli Stati Uniti, il carbone ha continuato a lasciare il posto al più pulito un gas naturale. Ma un inverno freddo e un'estate calda hanno aumentato le richieste di energia, contribuendo a un aumento stimato delle emissioni del 2,5 percento. Anche l'aumento del consumo di petrolio per i trasporti è stato un fattore, poiché i consumatori americani stanno ancora acquistando automobili più grandi.

Unico tra i big a calare, anche se di poco, è l'UE a 28 nazioni, le cui emissioni sono diminuite dello 0,7 percento, anche se le emissioni di petrolio sono aumentate.

Il settore dei trasporti è il "problema più grande, direi, in tutto il mondo", ha aggiunto Le Quere. "Non stiamo davvero intaccando le emissioni dei trasporti, nonostante il fatto che la tecnologia per le auto elettriche sia presente."

La buona notizia è che l'energia rinnovabile sta crescendo a passi da gigante. Ciò dovrebbe aiutare ad allontanarsi dalla curva delle emissioni, anche se la crescita riprende in un altro gigante asiatico - l'India.

"Non c'è il pericolo che si ripeta la Cina dei primi anni 2000, quando quel paese superò, e poi doppiò, le emissioni del precedente leader, gli Stati Uniti," sostiene Le Quere.

L'Africa rimane un punto interrogativo. Vediamo un numero di crescita simile alla Cina e all'India, dal 5 al 10% di crescita annuale del PIL, proveniente da molti paesi dell'Africa sub-sahariana. Ciò potrebbe significare molto più consumo di petrolio, molto più consumo di gas naturale.

È una situazione comprensibile: questi sono paesi disperatamente poveri che stanno solo cercando di raggiungere lo stesso standard di vita di cui godiamo nei paesi industrializzati.

Scrivi un commento