riusa logotype

"Tassate la plastica"

Balle di plastica

Primi risultati della consultazione britannica sulla plastica monouso. Secondo gli operatori del riciclo la tassa sulla plastica vergine avrebbe effetti molto positivi.

Succede nel Regno Unito: il Tesoro ha indetto una consultazione sul problema degli oggetti in plastica monouso, ottenendo decine di migliaia di risposte. Nella sua risposta, il CIWM (Chartered Institution of Wastes Management), il rappresentante dei riciclatori dei rifiuti, ha affermato: "Imporre una tassa o una tassa può essere una strada molto efficace per cambiare il comportamento umano."

"La tassazione della plastica vergine tende a promuovere l'uso di contenuti riciclati. Tassare l'uso di polimeri (come PVC o polistirolo) o combinazioni di polimeri (come i compositi multimateriali) che sono particolarmente problematici per il riciclaggio incoraggerebbe il passaggio da questi ad altri. La tassazione dei contenuti a base petrolio incoraggerebbe l'utilizzo di materie prime vegetali."

Il CIWM ha affermato che una tassa sugli articoli in plastica monouso "può avere un ruolo nell'accrescere la consapevolezza dei consumatori esattamente come ha fatto la tassa sulle buste di plastica (vedi Il punto sui sacchetti di plastica)," e ha sottolineato il potenziale di una tassa sulle plastiche monouso.

Qualsiasi prodotto monouso dovrebbe comunque essere obbligatoriamente costituito da singoli polimeri in modo che i consumatori possano avviarli facilmente al riciclo. L'Associazione per i servizi ambientali (ESA) ha detto al Tesoro di "sostenere l'uso della tassazione per incoraggiare l'uso di contenuti riciclati" e che la tassa sullo zucchero potrebbe servire da modello.

L'ESA propone un'imposta elevata sull'imballaggio in plastica senza contenuto riciclato, e a scalare una tassa più bassa quelle con qualche contenuto riciclato e nessuna imposta su quelli che raggiungono obiettivi concordati, ad esempio il 50% di contenuto riciclato. "Ciò aumenterebbe la domanda di contenuti riciclati e assicurerebbe un mercato finale forte e a lungo termine", ha affermato.

Le tasse sui polimeri vergini con agevolazioni fiscali per materiali più sostenibili sono sostenute anche dal comitato consultivo per il riciclaggio delle autorità locali (Larac). Usare le tasse per incoraggiare le imprese a progettare prodotti con un basso impatto ambientale potrebbe bilanciare meglio la responsabilità della gestione dei rifiuti di plastica tra produttori, rivenditori e autorità locali, sostiene Larac in un comunicato, con "risparmi significativi per le autorità locali."

Solo l'Associazione dei dettaglianti (Association of Convenience Stores) ha un'opinione più cauta, mettendo in guardia sulla possibilità che le nuove tasse possano gravare sui piccoli rivenditori. L'amministratore delegato James Lowman ha dichiarato: "Incoraggiamo il governo a continuare a studiare modi innovativi e sostenibili per ridurre la plastica monouso, ma vigileremo su qualsiasi misura che si traduca in una tassazione dei dettaglianti e/o dei consumatori due volte sugli stessi prodotti."

Scrivi un commento