riusa logotype

Gas serra ancora in aumento

I gas serra hanno raggiunto concentrazioni record "senza alcun segno di rallentamento", avverte l'ONU. Un rapporto rileva un aumento del 43% degli effetti di riscaldamento dal 1990.

I livelli di gas serra atmosferici hanno raggiunto un altro record, "senza alcun segno di rallentamento, tanto meno un declino", ha avvertito l'Organizzazione meteorologica mondiale (WMO - World Meteorological Organisation), che fa capo all'ONU, in un report sul sito web.

Nonostante gli impegni assunti ai sensi dell'accordo di Parigi per combattere i cambiamenti climatici, le concentrazioni di CO2, metano e protossido di azoto sono aumentate nel 2018 di quantità più elevate rispetto alla media degli ultimi dieci anni.

I livelli di CO2, il principale gas responsabile del riscaldamento globale, hanno raggiunto nuovi massimi di 407,8 parti per milione (ppm) nel 2018, rispetto ai 405,5 ppm dell'anno precedente, secondo un rapporto dell'organo delle Nazioni Unite.

Questa concentrazione è ora superiore del 47% rispetto a prima dell'inizio della Rivoluzione industriale nel 1760, quando i livelli di CO2 erano di circa 280 ppm.

"Dobbiamo tradurre gli impegni in azioni e aumentare il livello di ambizione per il bene del futuro benessere dell'umanità", ha dichiarato il segretario generale del WMO Petteri Taalas.

L'ultima volta che la Terra ha sperimentato concentrazioni comparabili di anidride carbonica nell'atmosfera è stata dai tre ai cinque milioni di anni fa, quando le temperature erano più calde di 2°C a 3°C e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di oggi, ha affermato Taalas.

L'attività umana sta aumentando le emissioni di gas serra, che stanno aumentando la concentrazione di questi gas nell'atmosfera, dove hanno un effetto di riscaldamento sul clima terrestre.

Dal 1990, c'è stato un aumento del 43% di questo effetto di riscaldamento da parte dei gas serra di lunga durata, afferma il rapporto.

Secondo il rapporto, la CO2 contribuisce al 66% di questo effetto di riscaldamento, con metano al 17% e il protossido di azoto al 6 %.

Il rapporto si impernia sui livelli di concentrazione che rappresentano ciò che rimane nell'atmosfera dopo un complesso sistema di interazioni tra atmosfera, terra, alberi e oceani. Gli alberi e gli oceani assorbono ciascuno circa un quarto delle emissioni totali, ma questo effetto sta già rallentando per gli oceani, che diventano sempre più caldi.

Inoltre, le emissioni globali di gas a effetto serra sono aumentate di nuovo nel 2018 al tasso più veloce in sette anni, secondo un rapporto preliminare del Global Carbon Project.

Il conseguente riscaldamento del pianeta sta causando impatti come lo scioglimento dei ghiacciai e l'innalzamento del livello del mare, siccità più estreme, ondate di calore e tempeste, che rappresentano anche una minaccia per la sicurezza alimentare, l'approvvigionamento idrico e la fauna selvatica.

Se le nostre attuali tendenze sulle emissioni continuano senza controllo, molti ricercatori prevedono una migrazione di massa su una scala senza precedenti. Grandi aree del Nord Africa e del Medio Oriente diventeranno probabilmente inabitabili a causa del caldo torrido e della siccità, con aumenti del livello del mare che colpiranno molte delle città più popolose del mondo.

"I risultati ... ci indicano una chiara direzione: in questo periodo critico, il mondo deve fornire azioni concrete e intensificate sulle emissioni", ha dichiarato il direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente Inger Andersen.

"Siamo di fronte a una scelta netta: mettere in moto le trasformazioni radicali di cui abbiamo bisogno ora o affrontare le conseguenze di un pianeta radicalmente modificato dai cambiamenti climatici."

Scrivi un commento