riusa logotype

Norvegia: strage di salmoni

Milioni di salmoni in Norvegia uccisi da una proliferazione di alghe. Secondo gli esperti, il cambiamento climatico avrebbe creato un contesto favorevole al fenomeno.

Otto milioni di salmoni d'allevamento in Norvegia settentrionale sono morti soffocati la scorsa settimana a causa di una violenta proliferazione di alghe. Alcuni esperti suggeriscono che dietro il fenomeno ci sia il cambiamento climatico.

La Norvegia è un grande produttore di salmone d'allevamento e l'impatto economico del disastro è sicuramente significativo.

Una dichiarazione della ministero norvegese della pesca ha stimato la quantità di salmone persa in 11.600 tonnellate, vale a dire circa 720 milioni di corone (74 milioni di euro). Secondo il Norwegian Seafood Council, un gruppo industriale, il totale potrebbe essere molto più alto.

"I numeri al momento indicano in otto milioni i pesci morti, corrispondenti a 40.000 tonnellate di salmone che non raggiungeranno i mercati," ha scritto Dag Sorli, un portavoce del Consiglio. Secondo questa stima, il valore delle perdite salirebbe a 2,2 miliardi di corone (225 milioni di euro).

Si tratta di numeri relativi, visto che parliamo di meno dell'1% della produzione del settore l'anno scorso, quando la Norvegia produsse circa 1,3 milioni di tonnellate di salmone, secondo Sorli. Finora sono state colpite nove società di salmoni nelle regioni settentrionali della Norvegia.

Aleksander Balteskard, portavoce di Northern Lights Salmon e Sorrollnesfisk, due società che operano nel nord della Norvegia, ha dichiarato che le aziende avrebbero perso "dall'80 al 90 % circa del salmone di questa generazione," ovvero la maggior parte della produzione di quest'anno e parte del prossimo anno.

La proliferazione riguarda le microalghe o microfite, organismi microscopici, unicellulari che vivono in catene o gruppi. Non hanno radici, steli o foglie. Di solito non si notano, quando sono in normali concentrazioni. Ma in determinate circostanze (quando le correnti rallentano e l'acqua si riscalda, per esempio) la popolazione di alghe può esplodere. Alcune proliferazioni di alghe sono visibili dallo spazio.

Il fitoplancton può arrivare a concentrazioni tali da fermare la respirazione del pesce. Le alghe entrano in contatto con le branchie, e la loro composizione chimica colpisce le membrane delle cellule delle branchie, quindi il pesce muore a causa della mancanza di ossigeno.

Di norma le proliferazioni sono considerate eventi naturali, ma un'esplosione letale come quest'anno è evento piuttosto raro. Gli allevamenti di salmone sono particolarmente a rischio in questi casi. I salmoni selvatici possono sempre spostarsi dalla zona di proliferazione algale, ma ovviamente quelli di allevamento non hanno questa opzione. Il danno economico è rilevante, anche perché, per motivi sanitari, il pesce soffocato non può essere inviato ai mercati. È probabile che saranno inceneriti o inviati in discarica.

Non è chiaro se il cambiamento climatico sia responsabile del fenomeno. In effetti, la Norvegia sperimentò una crescita di entità simile nel 1991. Ma certamente le temperature calde non sono un fattore limitante, anzi.

L'aumento della temperatura e una maggiore stabilità dell'acqua dilatano la stagione di produzione del fitoplancton: oggi può crescere da febbraio a dicembre.
Scientificamente, non sarebbe saggio affermare che il cambiamento climatico abbia avuto un ruolo nell'epidemia, ma si può certamente parlare di un significativo aumento di probabilità che il fenomeno abbia luogo.

La mortalità ha colpito per lo più il nord della Norvegia, quindi vicino al Circolo Polare Artico. Sappiamo che le acque si stanno riscaldando rapidamente nell'Artico. Prendiamolo come l'ennesimo avvertimento che i cambiamenti climatici hanno una miriade di impatti.

Scrivi un commento