riusa logotype

Passare alle rinnovabili conviene

Se si tenesse conto dei costi sanitari e sociali delle emissioni di CO2, diventare ecologici potrebbe essere vantaggioso anche economicamente.

Il prezzo da pagare per il cambiamento climatico è enorme e i dibattiti sul se possiamo permettercelo non vanno molto di moda. Almeno, non in Italia. Secondo un nuovo studio, alle discussioni manca inoltre un grosso pezzo del puzzle: tutti i benefici per la salute del passaggio alle energie rinnovabili.

Ridurre l'inquinamento atmosferico migliora la salute della popolazione locale, riducendo i costi dell'assistenza sanitaria. Purtroppo, le aziende energetiche sono libere di inquinare l'atmosfera con CO2 senza penalità, un costo non contabilizzato. Se includessimo quei benefici e costi mancanti, gli investimenti nelle energie rinnovabili diventerebbero improvvisamente molto più allettanti, secondo l'analisi pubblicata martedì su Environmental Research Letters.

"Si ottengono benefici per la salute eccezionalmente elevati dalla distribuzione di energie rinnovabili nei luoghi sottovento rispetto alle centrali termoelettriche," afferma Jonathan Buonocore, autore principale dello studio e ricercatore di salute ambientale presso Harvard T.H. Chan School of Public Health. "Per questo motivo, si è scoperto che i benefici per la salute sono più alti in alcune zone USA, come nel Mid-Atlantic e nell'Alto Midwest."

Sotto accusa le centrali a carbone. Per unità di energia, il carbone rilascia nell'atmosfera più inquinanti e CO2 di qualsiasi altra fonte. Secondo l'EPA, l'agenzia USA per la protezione ambientale, il 27,5 percento delle emissioni di gas serra del 2017 proveniva dalla produzione di energia (subito a ridosso dei trasporti) e i combustibili fossili, principalmente carbone e gas naturale, producevano oltre il 60 percento dell'elettricità. Le centrali a carbone rilasciano quantità significative di ossidi di azoto, anidride solforosa e particolato, tutti noti per causare problemi di salute. Gli impianti di gas naturale bruciano in modo più pulito del carbone, ma emettono ancora molta CO2 e ossidi di azoto.

Nello studio, Buonocore e il suo team hanno analizzato 10 principali regioni della rete elettrica negli Stati Uniti. Utilizzando modelli computerizzati, hanno stimato in che modo la riduzione della CO2 mediante la centrali eoliche, solari o di cattura del carbonio, potrebbe aumentare i benefici per la salute e ridurre gli impatti dei cambiamenti climatici per regione. Per fare ciò, hanno utilizzato le stime del costo sociale del carbonio, che è un modo per stabilire un prezzo sugli impatti climatici (come siccità, innalzamento del livello del mare e ondate di calore) derivanti dalle emissioni di CO2. I loro valori erano compresi tra 12 e 112 dollari (da 10,8 a 101 euro) a tonnellata.

Nell'eseguire questi calcoli, sono emerse chiare differenze nei benefici regionali. Laddove le energie rinnovabili dovessero sostituire il gas naturale, rispetto al carbone, l'impatto sulla salute sarebbe inferiore.

Quando si considerano i benefici per la salute e il clima durante la vita di un progetto di energia rinnovabile, come in questo studio, l'aumento di impianti eolici e solari, nella maggior parte dei casi, finisce per pagarsi da solo. "I benefici per la salute superano il costo finanziario dell'installazione di energie rinnovabili", afferma Buonocore. "In due terzi degli USA, è più conveniente installare energia rinnovabile rispetto a installare una cattura di carbonio in una centrale a carbone".

Buonocore spera che i risultati vengano utilizzati nello sviluppo di politiche di mitigazione del clima e afferma che questi risultati possono guidare i funzionari nella pianificazione economica di progetti rinnovabili.

Se si considerassero le perdite di metano, anche le aree alimentate a gas naturale potrebbero avere un maggiore incentivo a passare alle energie rinnovabili . Nel processo di estrazione, stoccaggio e trasporto di gas naturale, piccole quantità di metano, un potente gas serra, fuoriescono nell'aria.

Cumulativamente, queste perdite stanno contribuendo al cambiamento climatico, sebbene sia difficile quantificare tale apporto. In un calcolo incluso nello studio, Buonocore ha stimato che queste perdite potrebbero ridurre del 70% i benefici dell'uso di gas naturale. Quindi il passaggio a fonti rinnovabili, anche in luoghi alimentati a gas naturale, può essere ancora più vantaggioso di quanto suggeriscano le stime attuali.

Scrivi un commento