riusa logotype

Il picco della carne

Gli scienziati affermano che il mondo deve raggiungere il "picco della carne" entro il 2030 e ripristinare la vegetazione sui pascoli.

Un deciso ripristino della vegetazione forestale naturale, sui terreni attualmente utilizzati per la produzione di carne, è la "migliore opzione" per combattere l'eccesso di CO2 nell'atmosfera terrestre. Deve iniziare immediatamente, hanno avvertito gli scienziati.

I livelli di produzione di carne devono raggiungere il picco entro i prossimi 10 anni e la terra deve iniziare a essere riforestata se vogliamo evitare di "trasformare vari ecosistemi terrestri in stati instabili," hanno scritto i ricercatori in una lettera aperta alla sezione Planetary Healt del giornale Lancet. Tutti gli altri metodi di rimozione della CO2 rimangono "non testati su larga scala", hanno aggiunto.

Bovini e ovini richiedono enormi appezzamenti di terra, non solo per i pascoli, ma anche per i cereali coltivati ​​per nutrire gli animali allevati intensamente. Inoltre, i loro processi digestivi provocano elevate emissioni di metano, che è un potente gas serra.

A partire dal 2017, secondo il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC), l'atmosfera non deve assorbire più di 420 miliardi di tonnellate in più di CO2 e circa 720 miliardi di tonnellate di CO2 devono essere rimosse dall'atmosfera per consentirci di avere una possibilità di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

Non siamo sulla buona strada per soddisfare queste esigenze, tuttavia. "Se il settore zootecnico dovesse continuare con il business-as-usual, questo settore rappresenterebbe da solo il 49% del bilancio del budget di emissioni per limitare l'aumento a 1,5°C entro il 2030", hanno detto gli scienziati.

"Dal primo rapporto di valutazione del gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici nel 1990, la produzione di carne, latte e uova è aumentata da 758 milioni di tonnellate a 1 miliardo e 247 milioni di tonnellate nel 2017, e si prevede che aumenterà ulteriormente".

I ricercatori chiedono ora ai paesi "ad alto e medio reddito" di incorporare quattro misure per mantenerli in linea con gli obiettivi dell'accordo sul clima di Parigi:

- dichiarare una data per il picco del bestiame;
- identificare le maggiori fonti di emissioni di bestiame e/o i maggiori consumatori di territorio, e fissare obiettivi di riduzione adeguati per la produzione;
- attuare politiche per diversificare la produzione alimentare sostituendo il bestiame con alimenti sostenibili che massimizzino i benefici per la salute pubblica. Si tratta principalmente di legumi (compresi fagioli, piselli e lenticchie), cereali, frutta, verdura, noci e semi;
- adottare un "approccio naturale alle soluzioni climatiche" ove possibile, per riutilizzare la terra come un serbatoio di carbonio ripristinando la copertura vegetale nativa.

Gli scienziati hanno aggiunto: "Proponiamo che, nel creare settori agricoli conformi a Parigi, i paesi ad alto e medio reddito non esternalizzino la loro produzione di bestiame ad altri paesi, ma riducano invece la domanda di prodotti di allevamento".

All'inizio di quest'anno, l'allora capo scienziato ambientale del governo britannico, Ian Boyd, aveva avvertito che le persone dovevano mangiare meno carne rossa, viaggiare di meno e comprare meno vestiti, e ha anche chiesto la creazione di un "ministero a zero emissioni", che potrebbe funzionare per controllare le politiche di tutti i ministeri e garantire che funzionino in un quadro ambientale comune.

Scrivi un commento