riusa logotype

Plastica: il punto sul riciclo

Dopo la Cina, le autorità indiane (e malesi) limitano l'ingresso della plastica europea. I paesi industrializzati devono trovare la propria via per il riutilizzo degli scarti.

Il Ministero dell'Ambiente indiano lo scorso marzo ha imposto un divieto all'importazione di rifiuti di plastica, provvedimento poi parzialmente emendato con un tetto massimo alle importazioni totali, che presumibilmente avrà luogo il prossimo agosto.

Il provvedimento complica ulteriormente la vita ai produttori di plastica da riciclare, dopo il divieto totale imposto dalla Cina all'importazione di rottami di plastica nel 2018. Per il 2018 e il 2019, i materiali sono stati spediti ad altri mercati tra cui l'India. Tuttavia, era evidente che le autorità avrebbero preso provvedimenti, visto che l'India non ha la capacità di riciclaggio per elaborare i volumi di rottami che le sono inviati.

La ragione principale del divieto è analoga a quella cinese: migliorare il riciclo dei rifiuti domestici in India. Secondo uno studio recente, il 40% del totale delle 26.000 tonnellate di rifiuti di plastica che si ritiene siano generati ogni giorno in India, nemmeno viene raccolto.

Oltre all'India, la Malesia ha in qualche modo deciso di limitare le importazioni di rottame. Nonostante questo, il mercato europeo dei rottami di plastica sembra reggere, in virtù dell'umore positivo generato dalle numerose iniziative di uso della plastica riciclata da parte dell'industria.

A riprova di ciò, a marzo, i prezzi degli scarti di plastica sono aumentati e le ragioni fornite sono state una buona domanda e una disponibilità limitata del materiale. I prezzi del film naturale LDPE pulito, per esempio, sono aumentati di oltre il 15% in sole quattro settimane. All'inizio di marzo le tariffe ammontavano a 240-245 EUR per tonnellata, mentre alla fine avevano toccato 280-285 EUR per tonnellata.

Anche altri tipi di scarti di materie plastiche hanno seguito questa tendenza e questi prezzi sono aumentati di oltre il 10%. Questa è la situazione che caratterizza il mercato prima del 31 agosto, data presumibile di blocco delle importazioni indiane per il 2019.

Di conseguenza, i riciclatori indiani stanno aumentando la quantità di materiale per i propri usi, per non andare sotto scorta a settembre.

Poiché molti importatori hanno ancora buone quote di licenze di importazione inutilizzate, questa domanda continuerà sicuramente per un breve periodo. Giugno potrebbe essere praticamente l'ultimo mese per esportare merci dall'Europa all'India.

Scrivi un commento