riusa logotype

La Siberia diventerà abitabile

I cambiamenti climatici potrebbero rendere abitabile la parte ghiacciata della Siberia entro pochi decenni, rivelano gli scienziati.

I cambiamenti climatici potrebbero rendere ampie aree della Siberia abitabili prima della fine di questo secolo, suggerisce un nuovo studio pubblicato sulla rivistaEnvironmental Research Letters.

Le temperature invernali potrebbero aumentare fino a 9,1°C, e lo scioglimento dei ghiacci vedrebbe le dimensioni del permafrost diminuire di un quarto, nello scenario più estremo considerato fattibile dagli scienziati. Ciò libererebbe aree incontaminate della Russia a est degli Urali, aprendo la strada a milioni di persone che si potrebbero trasferire nella regione, dal nord del Kazakistan al mare di Bering.

La modellizzazione per uno scenario meno estremo dell'aumento di CO2 atmosferica, ha comunque portato a un aumento della temperatura fino a 3,4°C nei mesi invernali. Sotto questa proiezione, gli scienziati hanno stimato un aumento di cinque volte della capacità del territorio di sostenere la popolazione umana.

Secondo i ricercatori, la velocità con cui gli esseri umani potrebbero trasferirsi in Siberia dipenderebbe dagli investimenti nelle infrastrutture, dato che la regione è attualmente mal servita.

Per la loro analisi, il team del Centro di ricerca federale Krasnoyarsk e dell'Istituto nazionale aerospaziale della Russia hanno esaminato due possibili scenari su come le concentrazioni di CO2 potrebbero aumentare nei prossimi decenni. Una, denominata Pathway Concentration Representative (RCP) 2.6, rappresenta il cambiamento climatico mite, mentre RCP 8.5 rappresenta cambiamenti più estremi.

Le due traiettorie sono accettate dall'Intergovernmental Panel on Climate Change come al livello più basso e più alto per le emissioni di gas serra: l'RCP 2.6 presuppone che le emissioni globali raggiungeranno il picco entro il 2020, con emissioni sostanzialmente in calo in seguito; nell'ambito dello scenario RCP 8.5, invece, le emissioni continueranno ad aumentare nel corso del 21° secolo.

Elena Parfenova, autrice principale dello studio, ha dichiarato: "Abbiamo riscontrato aumenti della temperatura da 3,4°C (RCP 2,6) a 9,1°C (RCP 8,5) a metà inverno; aumenti di 1,9°C (RCP 2.6) a 5,7°C (RCP 8.5) a metà estate; e un aumento di precipitazione da 60 mm (RCP 2.6) a 140 mm (RCP 8.5)."

Sotto lo scenario peggiore, la copertura del permafrost nell'estremo oriente della Russia diminuirà, dal livello attuale del 65%, al ​​40% entro il 2080.

13 milioni di chilometri quadrati: è questa l'area del territorio asiatico della Russia, il 77% della superficie totale del paese, in cui risiede solo il 27% della sua popolazione, in gran parte concentrata lungo la steppa della foresta nel sud.

Ma Parfenova ha dichiarato che le cose cambieranno: "La Russia asiatica è attualmente estremamente fredda. In un futuro clima più caldo, la sicurezza alimentare in termini di distribuzione delle colture e capacità produttiva diventerà probabilmente più adatta a sostenere gli insediamenti."

Ha aggiunto: "Tuttavia, lo sviluppo del territorio adeguato dipende dalle politiche sociali, politiche ed economiche delle autorità. Vasti tratti della Siberia e del lontano oriente hanno infrastrutture poco sviluppate. La velocità con cui questi sviluppi si verificano dipende dagli investimenti nelle infrastrutture e nell'agricoltura, che a loro volta dipende da decisioni che dovranno essere prese presto."

Vladimir Chuprov, di Greenpeace Russia, ha affermato che una Siberia in via di riscaldamento scatenerebbe una serie di conseguenze negative per la popolazione umana.

"Il degrado del permafrost significa che in qualsiasi area con paludi o zone umide dominanti, sarà impossibile costruire infrastrutture a breve termine," ha dichiarato, aggiungendo: "temperature più elevate provocheranno più insetti, un pericolo per l'agricoltura."

Scrivi un commento