riusa logotype

Myanmar: strage di mangrovie

Più del 60% delle mangrovie del Myanmar sono state disboscate negli ultimi 20 anni.

La mangrovia è una formazione forestale, che si sviluppa sui litorali bassi delle coste marine tropicali, nella fascia periodicamente sommersa dalla marea. È considerato un bioma, una delle quattordici maggiori tipologie di habitat in cui viene suddiviso il globo terrestre.

Una caratteristica delle mangrovie è la presenza di "radici accessorie" che sollevano il tronco dal fango. Si stima che nel mondo le mangrovie ricoprano una superficie di circa 150.000 km², di cui la maggior parte in Asia. Questo porta le mangrovie a coprire solo lo 0,7 per cento dell'area della foresta tropicale terrestre, ma a rimanere tra gli ecosistemi più produttivi e importanti del mondo.

Offrono una vasta gamma di benefici ecologici e socio-economici: fanno da habitat, da vivaio per le specie ittiche, offrono protezione contro le mareggiate costiere associate a tempeste e tsunami e immagazzinano una quantità enorme di carbonio.

Molti paesi hanno istituito una protezione legale per le mangrovie, ma la loro criticità per la sostenibilità degli ecosistemi deve affrontare una forte concorrenza degli interessi economici. Ci sono infatti forti pressioni alla conversione della terra ad altri usi più redditizi, in particolare per l'agricoltura. Nell'ultimo decennio, gli studi hanno dimostrato che i tassi di deforestazione delle mangrovie sono più alti della deforestazione delle foreste terrestri interne.

I tassi di deforestazione delle mangrovie in Myanmar superano di molto le stime precedenti. L'ultima ricerca, guidata da Edward Webb e da Jose Don De Alban del Dipartimento di Scienze biologiche della Facoltà di Scienze della National University of Singapore (NUS), è stata pubblicata online sulla rivista Environmental Research Letters il 3 marzo 2020.

Utilizzando immagini satellitari e molteplici strumenti analitici, il team della NUS è stato in grado di valutare l'estensione della mangrovia nel 1996. I ricercatori hanno quindi seguito il destino di ogni pixel dell'immagine di mangrovia da 30 metri per 30 metri tra il 2007 e il 2016.

Le stime del team suggeriscono che nel 1996 il Myanmar aveva sostanzialmente più mangrovie di quanto precedentemente stimato. Tuttavia, nel corso dei 20 anni, oltre il 60% di tutte le mangrovie in Myanmar è stato convertito permanentemente o temporaneamente ad altri usi. Questi includono la coltivazione di riso, palma da olio e gomma, nonché per l'urbanizzazione.

Secondo De Alban, sebbene gli allevamenti ittici e di gamberi rappresentassero solo una piccola parte della conversione delle mangrovie, questo potrebbe cambiare nel prossimo futuro. Questi tipi di copertura del suolo concorrenti sono commercialmente importanti, ma incompatibili con la persistenza delle mangrovie.

Con la perdita di quasi i due terzi delle sue mangrovie, è necessario che il governo del Myanmar sviluppi strategie olistiche per conservare questo importante habitat. Ciò è particolarmente importante in quanto il Myanmar cerca di integrarsi maggiormente nei mercati regionali e globali per i prodotti agricoli e di acquacoltura.

Il destino delle mangrovie nel paese sarà legato alla forza delle politiche e all'attuazione delle misure di conservazione. Attraverso un'adeguata pianificazione, gestione e conservazione a lungo termine, questo ecosistema resiliente può recuperare ed essere mantenuto per il futuro.

Scrivi un commento