riusa logotype

Cereali più poveri causa cambiamento climatico

Campo di grano

Come effetto del riscaldamento del pianeta, le colture di cereali stanno perdendo proteine, zinco ​​e ferro. Per i paesi poveri, un'altra tegola alimentare, dovuta agli eccessi dei paesi ricchi.

È noto che la siccità prolungata, il caldo elevato e le piogge forti causate dal cambiamento climatico possono causare danni all'agricoltura. Ma ci sono più notizie inquietanti. Se non facciamo nulla, i livelli crescenti di anidride carbonica comprometteranno seriamente il valore nutrizionale del grano, del riso e di altri cultivar, mettendo milioni di persone in tutto il mondo a rischio di carenza di proteine, secondo nuove ricerche pubblicate nella rivista 'Environmental Health Perspectives'.

"Questi risultati sono sorprendenti", ha dichiarato Samuel S. Myers, ricercatore scientifico senior nel dipartimento di salute ambientale presso la Harvard T.H. Chan School of Public Health, autore dello studio. "Se ci fossimo seduti insieme 15 anni fa e avessimo cercato di anticipare gli impatti della salute umana delle emissioni di CO2 antropogene, non avremmo previsto che il nostro cibo sarebbe diventato meno nutriente. Se distruggiamo e trasformiamo la maggior parte dei sistemi naturali sul nostro pianeta, continueremo ad incontrare sorprese come questa."

Se i livelli di CO2 continuassero a salire come previsto, le popolazioni di 18 paesi potrebbero perdere oltre il 5 per cento delle proteine dalla loro ​​dieta entro il 2050, secondo lo studio. Secondo quanto detto, il 76% della popolazione mondiale ricava la maggior parte delle sue proteine ​​quotidiane dalle piante. Per calcolare il rischio corrente e futuro della carenza di proteine, i ricercatori hanno combinato informazioni dietetiche globali e misure di disparità dei redditi con dati provenienti da esperimenti in cui le colture sono state esposte ad alte concentrazioni di CO2.

Gli scienziati hanno scoperto che in concentrazioni di CO2 più elevate, il contenuto proteico del riso, del frumento, dell'orzo e delle patate è diminuito tra il 6 e il 14%. Lo studio, il primo di questo tipo, stima che ulteriori 150 milioni di persone a livello globale potrebbero subire questa perdita nutrizionale in aggiunta alle "centinaia di milioni di persone che già soffrono di carenza di proteine, le cui carenze saranno esacerbate," sostiene Myers.

Un documento simile, sempre a opera di di Myers e dei suoi colleghi, pubblicato in 'GeoHealth' ha riscontrato riduzioni di contenuto di ferro causate dalla CO2, che probabilmente peggioreranno il problema già significativo della carenza di ferro in tutto il mondo. Questo potrebbe rivelarsi particolarmente terribile per i bambini di età inferiore a 5 anni e per circa 1 miliardo di donne di età fertile. Lo studio prevede una perdita di quasi il 4 per cento del ferro da dieta derivante dagli effetti di CO2.

Complessivamente, queste carenze nutrizionali "rappresentano un grave problema di salute", ha detto Myers. "Uccidono persone". La carenza di proteine ​​può causare, tra le altre cose, carenze nella crescita, e perdita di muscoli, bassi pesi alla nascita, ritardi nello sviluppo, debolezza e stanchezza. La carenza di ferro causa un aumento dei tassi di mortalità materna e neonatale, minore QI e riduzione della capacità lavorativa.

La carenza di zinco, anche questa oggetto di uno studio di Myers del 2015, può causare un aumento dei tassi di mortalità da malattie infettive nei bambini a causa dei suoi effetti nocivi sul funzionamento del sistema immunitario. Lo studio ha predetto che le emissioni di CO2 elevate potrebbero provocare circa 200 milioni di persone in carenza di zinco.

I risultati della ricerca più recente suggeriscono sfide continue per l'Africa subsahariana, dove milioni di persone hanno già una carenza di proteine ​​e crescono i problemi per i paesi dell'Asia meridionale, inclusa l'India, dove il riso e il frumento forniscono una grande quantità di proteine ​​giornaliere. L'India potrebbe perdere più del 5 per cento delle proteine presenti nella sua dieta standard, mettendo 53 milioni di persone a rischio di carenza di proteine, secondo lo studio.

Evidentemente i consumi della popolazione odierna stanno degradando la salute delle generazioni future attraverso le emissioni di CO2. Il deterioramento del contenuto proteico dei cereali complica le teorie di molti attivisti del clima, scienziati e altro, che si battono per convincere le persone ad adottare diete vegetariane per ridurre l'impronta di CO2, contrastando le emissioni causate dall'allevamento di animali da carne per il consumo umano.

Se la società non vuole o non riesce a mitigare le emissioni, Myers ritiene che ci siano diversi modi per affrontare il problema. Uno studio di cui abbiamo parlato (Meglio le puzzette umane che quelle bovine) raccomanda di introdurre più fagioli nelle diete in sostituzione di carne bovina. Un altro studio (Mangiare insetti per salvare il pianeta) ha suggerito gli insetti commestibili.

"Ci sono popolazioni in paesi a basso reddito che beneficerebbero di una maggiore alimentazione di origine animale nelle loro diete", sostiene Myers. "Questo è ancor più vero perché gli alimenti di origine animale sono ricchi di zinco, proteine ​​e ferro. Per i paesi ricchi, invece, ridurre l'assunzione di carne sarebbe un fatto positivo in termini di salute pubblica, in particolare per la carne rossa."

I legumi subiscono meno perdita di proteine ​​in relazione all'aumento di CO2, rispetto ai cereali, per questo il consumo di legumi sicuramente risolve la carenza di proteine vegetali. "In generale," sostiene Myers, "la varietà dietetica nelle popolazioni a basso reddito, sarebbe da consigliare."

Scrivi un commento