riusa logotype

2018: crollo delle importazioni cinesi di scorie plastiche

Controlli sui rottami cinesi

Non più dubbi sulla severità del blocco alle importazioni dei rottami cinesi. Secondo i riciclatori di tutto il mondo, sarà caos.

Le importazioni cinesi di plastiche riciclabili l'anno prossimo saranno probabilmente in picchiata a meno della metà dei livelli attuali, in seguito al rigoroso divieto di Pechino sui materiali di scarto esteri (vedi Panico nel mercato internazionale dei rottami). È l'opinione del BIR (Bureau of International Recycling), l'organizzazione fondata nel 1948, che sostiene gli interessi dell'industria del riciclaggio internazionale.

In una dichiarazione del 19 ottobre, BIR ha fatto valutazioni specifiche su come il divieto della Cina, annunciato per la prima volta a luglio, avrà probabilmente un impatto sui mercati nel prossimo anno.

"Le importazioni in Cina potrebbero scendere al 30-40 per cento dei livelli dell'anno prossimo, lasciando gli esportatori mondiali di plastica riciclabile nella necessità di trovare centri alternativi per forse 6 o 7 milioni di tonnellate di scarti di plastica," ha dichiarato Surendra Borad Patawari, responsabile del Comitato Plastica di BIR.

"La Cina e Hong Kong hanno importato 10,2 milioni di tonnellate di rottami di plastica nel 2016 - ma questa cifra è probabile che crolli il prossimo anno," è l'opinione di Borad. Ricordiamo che Hong Kong non ha un struttura di riciclo, per cui è chiaro che tutte le sue cosiddette importazioni siano destinate alla Cina (vedi Dipendenti dall'estero).

La dichiarazione di BIR fa seguito a una riunione in India a metà ottobre, dove ha ricevuto una relazione della China Scrap Plastics Association, secondo cui i funzionari governativi in ​​Cina hanno confermato che continueranno a rilasciare licenze d'importazione nel 2018. Purtroppo queste licenze saranno rinnovate solo alle società di riciclo cinesi con "percorso pulito, nel senso di comprovato pieno rispetto delle normative ambientali."

La restrizione delle licenze è una parte fondamentale delle nuove normative cinesi, e i funzionari statali hanno garantito sul suo rigoroso rispetto. BIR, che rappresenta le associazioni di riciclaggio in 70 paesi e comprende 800 aziende, ha affermato che le nuove regole cinesi hanno un impatto drammatico sui prezzi.

"Il valore di alcuni materiali spediti in container si è azzerato, e in alcuni casi, è andato oltre (cioè gli importatori sono costretti a pagare per cedere i container, n.d.r.). Al contrario, i prezzi dei rottami di plastica sul mercato interno cinese sono aumentati del 20-30 per cento a causa delle carenze di materiale."

Secondo Mahmoud Al Sharif del gruppo Sharif degli Emirati Arabi, molti esportatori mediorientali hanno trovato mercati alternativi alla Cina e i prezzi locali dei rottami sono aumentati rispetto agli ultimi valori rilevati durante la crisi dovuta alla restrizione cinese.

Fonti dall'India riferiscono che il divieto cinese potrebbe aumentare il tasso di riciclo del paese rispetto al suo attuale 22 per cento. Le aziende indiane affermano che il paese ha bisogno di riciclare di più attraverso il settore "formale", mentre a oggi l'80% di polietilene e polipropilene viene riciclato in aziende informali e non registrate.

L'India comunque non può a breve contribuire alla soluzione, visto che secondo BIR il sub-continente importa solo circa 150.000 tonnellate di plastica ogni anno, meno del 2% di quello che importano Cina e Hong Kong (ovvero la sola Cina, come detto).

Un dirigente di una società di riciclo francese ha dichiarato che il divieto della Cina ha già spostato il riciclo di alcuni tipi di PE a bassa densità raccolti in Europa, dall'Asia agli impianti di trasformazione siti in Portogallo e in Spagna.

Scrivi un commento