riusa logotype

Rallenta il consumo di carbone

Centrale di carbone

Secondo le previsioni ufficiali, i principali paesi del mondo hanno ridotto il consumo di carbone.

Secondo le previsioni ufficiali, lo scorso anno, tutti i principali paesi del mondo, a eccezione dell'India, hanno ridotto il consumo di carbone, con una domanda di stagnazione del carburante sporco prevista per la prossima metà del decennio.

L'Autorità per l'Energia Internazionale (IEA) ha dichiarato che nel 2016 sono state bruciate 5,3 miliardi di tonnellate di carbone equivalente, in calo dell'1,9% rispetto all'anno precedente e del 4,2% rispetto al 2014, il calo più rapido dal 1990-1992, quando l'economia mondiale era in recessione.

Sempre secondo l'IEA, il consumo globale di carbone ristagnerà nel corso del prossimo decennio confermando le cadute record degli ultimi due anni. La Cina, gli Stati Uniti e l'Europa lo scorso anno, hanno guidato il continuo calo della domanda, compensato solo in parte dall'India, uno dei pochi paesi asiatici in cui si prevede che la combustione del carbone cresce ancora.

Nonostante il solare stia facendo enormi progressi in India, la crescita rapida del PIL del 7,8% l'anno e l'obiettivo del primo ministro Narendra Modi di portare energia a 240 milioni di indiani senza elettricità comporterà anche l'uso del carbone. Si prevede che la produzione di energia a carbone in India aumenterà del 4% all'anno fino al 2022.

Keisuke Sadamori, direttore dei mercati energetici e della sicurezza dell'agenzia, ha affermato che sebbene sia molto ottimista sullo sviluppo delle rinnovabili e sul ruolo futuro del gas, in alcuni paesi il carbone fornirà anche una quota significativa del fabbisogno di elettricità. Tuttavia, ha aggiunto che nel complesso, ciò che si vede è una stagnazione della domanda di carbone in un decennio.

Greenpeace sostiene che la IEA sia troppo ribassista riguardo la crescita delle fonti rinnovabili in India e distorce il quadro per le prospettive del carbone. In tutto il mondo, la IEA ha dichiarato di aspettarsi che la quota di carbone del mix energetico si riduca leggermente, passando dal 27% dello scorso anno al 26% nel 2022.

Il Regno Unito ha probabilmente realizzato la transizione più rapida dal carbone rispetto a qualsiasi paese fino a ora, come ha dichiarato Sadamori. Il carbone è passato dal 40% del mix energetico nel 2012 a meno del 10% l'anno scorso, e nel primo semestre di quest'anno ha fornito solo il 2%. Le cause sono il calo della domanda di elettricità, le direttive comunitarie sull'inquinamento, gli incentivi per le energie rinnovabili e la carbon tax del governo.

Nel Regno Unito sono rimaste otto centrali a carbone e i ministri hanno promesso di eliminare completamente il carburante entro il 2025. L'Agenzia per l'Energia Internazionale ha affermato che, contrariamente a quanto affermato da alcuni esperti, nel Regno Unito non ci sarebbe una ripresa del carbone se i prezzi del gas aumentassero, perché l'energia importata dall'Europa sarebbe più competitiva.

Negli Stati Uniti, dove l'anno scorso il gas ha rimpiazzato il carbone come principale fonte di energia per la prima volta, le misure elettorali e pro-carbone di Donald Trump sono state considerate positive per il settore. Tuttavia, si prevede che la domanda di carbone degli Stati Uniti continuerà a diminuire nei prossimi cinque anni, sebbene a un ritmo più lento rispetto agli ultimi anni.

Scrivi un commento