riusa logotype

FAO: agroecologia contro fame e cambiamento climatico

Abbandonare le tecniche chimiche e industriali imposte dai giganti dell'agro-industria, e foraggiate anche da ricchi babbei in buona fede: questo è il consiglio della FAO in un Simposio.

Agricoltori asiatici coltivano riso e allevano pesce negli stessi campi per aumentare il loro reddito e ridurre le erbe infestanti. Contadini ghanesi usano i residui colturali come compost per aumentare i raccolti.

Sono esempi di tecniche di agricoltura ecologica, o agroecologia, un sistema che potrebbe fornire cibo nutriente e rispettoso dell'ambiente per un mondo in crescita, aumentare i guadagni degli agricoltori e rendere le aziende agricole più resilienti ai cambiamenti climatici, secondo gli attivisti.

"L'agricoltura è in fase di transizione", sostiene Pasquale Steduto, responsabile regionale del programma per l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) in Medio Oriente e Nord Africa alla Thomson Reuters Foundation.

"I cambiamenti climatici aggiungono nuove incertezze e aumentano l'incertezza. Introducendo i principi dell'agroecologia, è possibile ridurre i rischi di esposizione ai cambiamenti climatici."

La produzione alimentare globale è attualmente basata sull'uso estensivo di costosi fertilizzanti chimici e pesticidi, che danneggiano l'ambiente e la salute umana, hanno detto gli esperti riuniti a Roma il mese scorso presso la FAO, in un Simposio sull'agroecologia, con oltre 700 partecipanti, con rappresentanti di 72 governi, circa 350 gruppi della società civile e altre organizzazioni non-governative, e sei agenzie ONU.

Meno di 30 paesi in tutto il mondo, e solo due in Africa, Costa d'Avorio e Mauritius, hanno leggi e politiche che sostengono l'agricoltura ecologica, sostiene la FAO.

"Abbiamo tre grandi sfide da gestire: cambiamento climatico, sicurezza alimentare e collegamento tra agricoltura, silvicoltura, economia e occupazione," ha affermato Stephane Le Foll, parlamentare francese ed ex ministro dell'agricoltura.

La soluzione, ha detto, è l'agricoltura ecologica, o agroecologia, che sostituisce i fertilizzanti chimici con metodi naturali, con strumenti antichi, ma sorretti da conoscenze nuove, come piantare determinati tipi di piante in mezzo a colture ruotate per migliorare i terreni e scoraggiare i parassiti.

Le Foll è vicepresidente dell'iniziativa "4 per 1000", che cerca di aumentare la sostanza organica contenuta nei terreni agricoli del 4 per mille all'anno, obiettivo che avrebbe tra l'altro lo scopo di combattere il riscaldamento globale trattenendo nel terreno una grande quantità di CO2.

Il suolo assorbe naturalmente il carbonio dall'atmosfera attraverso un processo noto come sequestro, che non solo riduce i gas serra dannosi ma crea anche un terreno più fertile. I terreni fertili producono più cibo, che alimenterebbe più persone e l'agricoltura redditizia potrebbe risolvere la disoccupazione, ha aggiunto Le Foll.

L'agroecologia ha dimostrato di funzionare in Africa, dove gli agricoltori sono già alle prese con terreni degradati e condizioni climatiche imprevedibili, ha affermato Million Belay, co-fondatore del gruppo di difesa Alliance for Food Sovereignty in Africa (AFSA).

Nel nord dell'Etiopia, le tecniche di coltivazione ecologica hanno fornito rese migliori rispetto a quelle convenzionali in cinque colture critiche, tra cui orzo e mais, all'interno di un progetto dell'Istituto per lo sviluppo sostenibile, un ente di beneficenza con sede ad Addis Abeba.

Ma l'attenzione dei donatori fresconi nei confronti dell'agricoltura convenzionale in Africa costituisce una minaccia per l'agroecologia, ha detto Belay. "I filantro-capitalisti come Bill Gates e altri arrivano con un sacco di soldi per promuovere l'agricoltura chimica industriale," ha detto riferendosi a questi babbei ricchi che investono in imprese sbagliate con l'obiettivo di fare del bene.

In questo modo danneggiano l'unico tipo di agricoltura che potrebbe salvare i terreni, il reddito dei contadini e pure l'Africa dalla fame, secondo Le Foll. Con l'agroecologia i risultati si possono toccare con mano già da subito: "I costi diminuiscono mentre la produttività rimane uguale o addirittura migliora," ha affermato.

Osserviamo con molto favore l'evolversi dei concetti dell'agroecologia, e sosteniamo la FAO che di essa si occupa attivamente. I principi di questo sistema, ovvero sostenere il reddito degli agricoltori e la dotazione di sostanza organica del terreno, ci paiono irrinunciabili e meritevoli della massima attenzione.

Ma occorre fare molta attenzione, ed essere molto precisi e selettivi: i padroni dell'agroindustria, quella che sta affamando i contadini africani e impoverendo terreni in tutto il mondo, sono pronti ad appropriarsi del termine 'agroecologia', mascherando le loro pratiche distruttive con una patina di verde.

Inoltre, un pronunciamento più chiaro sull'uso di veleni e pesticidi, altra piaga del sistema agro-industriale, sarebbe molto gradito.

Scrivi un commento