riusa logotype

Bioimitazione contro il riscaldamento globale

Progettare nuove soluzioni per il cambiamento climatico, con una saggezza di milioni di anni. Il principio della bioimitazione al centro di un contest per giovani inventori.

Un dispositivo di controllo delle zanzare che funziona come le piante carnivore. Una soluzione per l'erosione del suolo che imita la palpebra di un martin pescatore. Un impianto a energia mareale ispirato al cuore umano. Queste tecnologie sono tra i vincitori di una competizione globale che chiede ogni anno agli inventori di creare soluzioni di cambiamento climatico radicalmente eco-affini ispirate al mondo della natura.

Più di 60 squadre provenienti da 16 paesi hanno partecipato alla Biomimicry Global Design Challenge, inviando invenzioni ispirate alla natura per invertire, mitigare o adattarsi ai cambiamenti climatici.

"I progetti della natura sono delle scoperte ispiratrici che cambiano il modo in cui pensiamo all'innovazione," ha affermato John Lanier, direttore esecutivo della Ray C. Anderson Foundation, uno dei principali finanziatori della Sfida. "Invertire i cambiamenti climatici significa qualcosa di più rispetto a pannelli solari e turbine eoliche; significa reinventare tutto e, dopo tre anni di lavoro con i team in questa Sfida, siamo convinti che la bioimitazione sia il futuro della progettazione."

La Biomimicry Global Design Challenge del Biomimicry Institute invita gli innovatori a imparare come usare la bioimitazione (il processo di trarre dalla natura l'ispirazione della tecnologia) per sviluppare soluzioni ai cambiamenti climatici. La bioimitazione è un metodo collaudato per creare soluzioni eco-amichevoli innovative. La natura ci offre strategie collaudate che possono essere applicate ai problemi di progettazione contro il riscaldamento globale in settori quali energia, acqua, trasporti, edifici e infrastrutture, sistemi alimentari, salute e altro ancora.

La sfida offre l'opportunità di apprendere la bioimitazione applicandola in azione a pressanti problemi ambientali e la possibilità di avvicinare le soluzioni al mercato della bioimitazione.

"Penso che tutti ricordiamo di essere stati bambini, giocare all'aperto e scoprire qualcosa di incredibile, come il modo in cui un onisco si arrotola a palla o come una lucciola produca un'intensa luce naturale," sostiene Beth Rattner, direttrice del Biomimicry Institute. "Molti di noi pensavano: 'Un giorno, inventerò qualcosa che funzioni in questo modo.' La maggior parte di noi è stata sviata, ma queste squadre hanno inseguito quel sogno."

Il premio Ray of Hope onora l'eredità di Ray Anderson, imprenditore nel campo della bioimitazione. Anderson è diventato famoso iniettando nuovi approcci radicali in tecniche di progettazione e manifattura secolari, nella progettazione di tappeti. La Fondazione Ray C. Anderson e il Biomimicry Institute, ogni anno, assegnano il premio Ray of Hope da 100.000 dollari USA (86.000 euro) al prototipo più redditizio che incarna i principi di eco-affinità radicale della bioimitazione.

Un nuovo round della Biomimicry Global Design Challenge aprirà a settembre 2018, offrendo una nuova opportunità per i team di apprendere la bioimitazione, sviluppare soluzioni per il cambiamento climatico e competere per il premio Ray of Hope.

Scrivi un commento