riusa logotype

Boicottare l'olio di palma

Palmoil

A prescindere dalle preoccupazioni sulla salute, presumibilmente infondate, l'olio di palma è il maggior responsabile della deforestazione, soprattutto in Malesia e Indonesia. Boicottiamolo.

L'Indonesia è il paese con il più alto tasso di deforestazione. La ragione è una sola: pulire il terreno per fare spazio alla redditizia coltura di olio di palma.

Per alimentare la domanda ancora crescente di questo redditizio prodotto vegetale, le piantagioni in paesi come l'Indonesia e la Malesia, che producono l'85 percento di tutto l'olio di palma, sono in espansione. E per lasciare spazio a nuove piantagioni di Elaeis guineensis, molti agricoltori stanno distruggendo le foreste pluviali.

In entrambi questi paesi, tra il 1990 e il 2005, più della metà della nuova crescita delle palme da olio "è avvenuta a spese delle foreste", secondo uno studio del 2008. Oggi, secondo Scientific American, l'olio di palma è la forza principale che guida la deforestazione in questi paesi.

Il danno è stato fatto e continua a essere fatto a spese di un'incredibile biodiversità, ma anche di una notevole produzione di ossigeno in sostituzione dell'anidride carbonica. Sebbene gli agricoltori stiano sostituendo la crescita naturale con altri alberi, le palme da olio non combattono tanto l'eccesso di CO2 quanto le foreste pluviali. Un nuovo studio pubblicato sul sito Nature Communications ha rilevato che per ogni ettaro di foresta pluviale convertiti alla produzione di olio di palma, si perdono quasi 200 tonnellate di carbonio, grosso modo la massa di una balena blu adulta.

Naturalmente, la deforestazione non riguarda solo un ettaro. Nel 2012, l'Indonesia ha guadagnato la medaglia di paese con il più alto tasso di deforestazione, cancellando più di 1.680.000 ettari di foresta naturale. Se tutta quella terra fosse stata convertita a piantagioni di palme (in realtà, alcune vanno alla gomma e altre piante, che trattengono un po' più di CO2 rispetto alle palme da olio), l'atmosfera guadagnerebbe 840.000 balene blu di carbonio.

Cosa possono fare i consumatori in relazione a questo problema? Semplicemente la vecchia pratica del boicottaggio. Possiamo fare la nostra parte per ridurre questo scempio: anche se non abbiamo mai acquistato un contenitore di olio di palma, probabilmente usiamo questo ingrediente in qualche modo.

L'olio vegetale più comunemente usato, trova il suo utilizzo in cibo, cosmetici e biocarburanti. Sono cattive notizie per le foreste del mondo. Il modo più semplice per ridurre l'uso di olio di palma è evitare l'ingrediente nella vita quotidiana. Ciò significa acquistare con attenzione prodotti che non includano questo additivo. All'acquisto di cibo, prodotti per la pulizia o prodotti di bellezza, è bene assicurarsi che nella lista degli ingredienti non ci sia l'olio di palma.

Esistono anche delle app che possono aiutare a trovare l'elenco degli ingredienti di un prodotto. Per esempio, per Android è disponibile Ingred, o ancor meglio Open Food Facts, che gestisce anche un database aperto, in grado di dire immediatamente se un prodotto contiene olio di palma.

Ciò è particolarmente utile perché l'olio di palma non appare sempre sotto questo nome. Potrebbe essere descritto come PO, Palm Kernel Oil (olio di noce di palma - PKO) o gliceridi di palma. Appare anche sotto termini più scientifici, come il nome latino dell'albero di origine, Elaeis guineensis.

Potrebbe essere riportato come ingrediente chimico, allora è bene tenere d'occhio se la locuzione include parole derivate da "palma", come palmato, palmitato, palmitico, palmitico o palmolico. Si possono anche trovare parole basate su "kernel", come kernelate. Questi termini possono descrivere un olio non a base di palma, ma vengono spesso applicati ai prodotti a base di palma.

I derivati ​​di palma, poi, possono ancora trasformarsi in prodotti sotto il termine generico "olio vegetale". Questo è tutto ciò che possiamo fare come azione individuale per combattere gli effetti collaterali distruttivi della coltivazione di palme.

Sfortunatamente, questo tipo di azioni può avere effetti collaterali non voluti. L'Unione europea, per esempio, ha recentemente vietato le sovvenzioni che sostenevano l'olio di palma come fonte di biocarburanti. Tuttavia, gli esperti temono che i paesi che coltivano palme da olio sostituiranno semplicemente le loro piantagioni di palma con altre colture compatibili con i biocarburanti.

Lo stesso vale per il boicottaggio dell'olio di palma: se avesse successo, i produttori potrebbero eventualmente sostituirlo con un altro olio vegetale. Ma anche quel prodotto probabilmente si porterà dietro lo stesso bagaglio ambientale. Finché i paesi tropicali avranno incentivi finanziari per coltivare colture come le palme da olio, le piantagioni continueranno a espandersi, spesso a spese delle foreste pluviali.

Scrivi un commento