riusa logotype

Climatologi preoccupati

Orso bianco

Gli scienziati del clima lanciano un avvertimento: la Terra si starebbe rapidamente dirigendo verso un "punto di non ritorno," a meno che l'umanità non intraprenda un'azione immediata.

La Terra si sta rapidamente dirigendo verso il "punto di non ritorno" a meno che non agiamo immediatamente, hanno avvertito gli scienziati del clima dell'EGU (European Geosciences Union, l'unione europea per gli studi sulla terra) in un nuovo studio.

Se i governi non agiranno in modo decisivo sul riscaldamento globale prima del 2035, sarà molto improbabile che saremo in grado di limitare il riscaldamento globale in meno di due gradi, sostengono i ricercatori dell'EGU.

Se il riscaldamento raggiunge quel punto, è probabile che scateni una catastrofe climatica che potrebbe rendere la maggior parte del mondo invivibile.

I ricercatori dicono anche che la scadenza per fermare il riscaldamento globale a 1,5°C è già passata, a meno che non ci impegniamo ora in azioni radicali. Sperano che la scadenza stretta possa diventare un momento importante per impegnarsi ad agire sul clima.

Senza questa azione, la Terra cadrà oltre il punto di non ritorno e sarà impossibile fermare il riscaldamento globale, avvertono. E anche questi rimedi drammatici potrebbero essere eccessivamente ottimisti, notano.

"Nel nostro studio dimostriamo che ci sono delle scadenze rigorose per intraprendere un'azione sul clima", afferma Henk Dijkstra, professore all'Università di Utrecht nei Paesi Bassi e uno degli autori dello studio. "Concludiamo che è rimasto molto poco tempo prima che gli obiettivi di Parigi (limitare il riscaldamento globale a 1,5°C o 2°C, ndr) diventino irrealizzabili anche in presenza di drastiche azioni di riduzione delle emissioni."

Tutte le speranze si fondano su un mondo che si muove verso le fonti di energia rinnovabile nei prossimi anni. Per calcolare la scadenza, i ricercatori hanno preso a modello i modelli climatici disponibili e hanno cercato di capire quanto sarebbe stato veloce quel processo per arginare gli effetti disastrosi che un aumento di 2°C potrebbe avere, calcolando che dovremmo iniziare ad abbracciare significativamente le energie rinnovabili prima del 2035.

E le ipotesi utilizzate per farlo potrebbero essere troppo ottimistiche, hanno fatto notare.

"La quota di energia rinnovabile si riferisce alla quota di tutta l'energia consumata, che è aumentata nel corso di oltre due decenni da quasi nulla alla fine degli anni '90 al 3,6% nel 2017 secondo il BP Statistical Review, quindi l'aumento [annuale] nella quota delle rinnovabili sono stati molto piccoli ", afferma Rick van der Ploeg, professore di economia all'Università di Oxford, che ha anche preso parte allo studio Earth System Dynamics.

"Considerando la lentezza delle trasformazioni politiche ed economiche su larga scala, l'azione decisiva è ancora possibile in quanto lo scenario di modesta azione è un grande cambiamento rispetto agli attuali tassi di emissione", aggiunge.

Scrivi un commento