riusa logotype

Clima: aumenteranno gli insetti

Gli insetti sono una preoccupazione in relazione all'agricoltura. Uno studio prevede che i cambiamenti climatici rendano i parassiti più voraci, il che potrebbe incoraggiare gli agricoltori a utilizzare più pesticidi.

Fin da quando gli umani hanno imparato a estrarre il cibo dal suolo, i parassiti hanno prosperato sulla generosità dell'uomo che allestisce banchetti di monocolture senza protezioni naturali, via via sempre più estreme, fino ad arrivare ai giorni nostri, in cui si tende a coltivare in zone di fatto sterili, in cui non c'è posto per alcuna forma di vita tranne quella oggetto di coltura..

In tutto il mondo, le larve degli insetti consumano fino al 20% in massa delle piante che gli esseri umani coltivano per il cibo e tale quantità aumenterà con il riscaldamento globale che rende gli insetti più voraci, secondo uno studio pubblicato la settimana scorsa sulla rivista Science. Ciò potrebbe incoraggiare gli agricoltori a utilizzare più pesticidi, che potrebbero causare ulteriori danni ambientali, sostengono gli scienziati.

Per ogni grado Celsius di aumento di temperatura, la quantità di grano, mais e riso persi per gli insetti aumenterà del 10-25%, dice lo studio. Le regioni agricole temperate, come quelle negli Stati Uniti e nell'Europa occidentale, sarebbero particolarmente colpite.

L'accordo internazionale di Parigi è concepito per mantenere il riscaldamento al di sotto dei due gradi Celsius, ma i paesi del mondo sono lontanissimi dal raggiungere tale obiettivo.

Mangiando una quantità così grande di cibo sul campo, "gli insetti consumano qualcosa come un chilo di pane finito su otto prodotti, prima ancora di essere infornati," ha detto Curtis Deutsch, professore di oceanografia chimica all'Università di Washington e autore dello studio. "Se l'aumento di temperatura salisse di quattro gradi, che è quello che i modelli climatici in genere prevedono per la fine di questo secolo, gli insetti mangerebbero due dei nostri otto chili di pane di pane invece di uno."

Le alte temperature accelerano il metabolismo di molti insetti, facendoli mangiare di più. Anche i loro cicli vitali diventano più veloci, inducendoli a riprodursi più rapidamente. Entrambi gli effetti ridurranno i raccolti, anche se la popolazione umana continua ad aumentare, mettendo ulteriori pressioni sull'offerta alimentare globale, afferma lo studio.

Per arrivare alle loro stime, il dott. Deutsch e i suoi colleghi hanno usato modelli statistici per simulare gli effetti del riscaldamento globale sull'alimentazione e sulla riproduzione degli insetti. Si sono concentrati su colture di grano, mais e riso perché rappresentano il 42% delle calorie consumate direttamente dagli esseri umani.

Altri fattori potrebbero aiutare a mitigare le perdite di raccolto. Gli insetti utili potrebbero anche prosperare in un clima più caldo, ha detto Michael Hoffmann, professore di entomologia e direttore esecutivo dell'Istituto Cornell per Climate Smart Solutions, non coinvolto nello studio. Questi insetti potrebbero finire per "offrire una certa soppressione dei parassiti, in modo che il danno possa non essere così grande come suggeriscono," ha detto il dott. Hoffmann.

Temperature più elevate possono significare cattive notizie per le colture assetate indipendentemente dall'attività degli insetti. Uno studio dello scorso anno sulla rivista Nature Communications ha rilevato che le pressioni derivanti dall'aumento delle temperature estive potrebbero portare a un significativo calo delle rese agricole. L'ondata di caldo europea di questa estate, che è in linea con i modelli di cambiamento climatico, ha ridotto la produzione di grano in Germania di circa il 20 percento.

Tale studio ha rilevato che una migliore irrigazione potrebbe compensare almeno alcune delle perdite. È invece meno chiaro se gli insetticidi potrebbero aiutare a prevenire la moltiplicazione dei parassiti.

"Il livello attuale di perdite da larve riflette già ciò che possiamo fare per gestire le perdite di raccolto," ha affermato il Dr. Deutsch. I pesticidi potrebbero aiutare dove non sono già in uso, ma in altre regioni, "ci si chiede se abbiamo già raggiunto il massimo della loro efficacia," ha detto.

L'agricoltura industriale ha prodotto, grazie alle monocolture in cui non esistono altre forme di vita, animali o vegetali, che non siano l'oggetto della coltura stessa, questa straordinaria vulnerabilità ai parassiti.

L'incremento di temperatura sta provocando ulteriore vulnerabilità, che ovviamente agronomi e multinazionali del seme intendono combattere con un ulteriore dose di pesticidi, come se questo fosse un rimedio e non la fonte di tutti i problemi.

Deutsch per fortuna sostiene che la vera soluzione sia ridurre drasticamente il livello dei gas serra che gli esseri umani emettono.

Inoltre, sostiene Deutsch, i pesticidi possono danneggiare altri organismi e alcuni sono stati collegati a problemi di salute umana. La loro produzione, trasporto e utilizzo contribuiscono anche al riscaldamento globale.

Scrivi un commento