riusa logotype

Conoscenza nativa

Native

Con il Traditional Ecological Knowledge, gli ecologi stanno imparando dagli indigeni ciò che sfugge alla visione iper-specialistica della scienza.

In tutto il mondo, i ricercatori stanno scoprendo ciò che è noto come Conoscenza ecologica tradizionale (Traditional Ecological Knowledge - TEK) per completare la comprensione del mondo naturale. TEK significa profonda conoscenza di un luogo che è stato faticosamente scoperto da coloro che si sono adattati a esso per migliaia di anni. "Le persone hanno fatto affidamento su questa conoscenza dettagliata per la loro sopravvivenza," scrive Henry Huntington in un articolo sull'argomento.

Questo argomento è stato a lungo studiato da discipline come etno-biologia, etno-ornitologia e diversità bioculturale. Ma ultimamente ha ricevuto più attenzione dagli scienziati tradizionali a causa degli sforzi per comprendere meglio il mondo di fronte ai cambiamenti climatici e alla perdita accelerata di biodiversità.

L'antropologo Wade Davis, dell'Università della British Columbia, fa riferimento alla costellazione delle culture del mondo come "etnosfera" o "somma totale di tutti i pensieri e sogni, miti, idee, ispirazioni, intuizioni, creati dall'essere umano immaginazione fin dall'alba della coscienza. È un simbolo di tutto ciò che siamo e di tutto ciò che possiamo essere, come specie sorprendentemente curiosa."

Secondo una stima, mentre i popoli nativi rappresentano solo il 4 o il 5% della popolazione mondiale, utilizzano quasi un quarto della superficie terrestre del mondo e gestiscono l'11% delle foreste. "In tal modo, mantengono l'80 percento della biodiversità del pianeta nell'85 percento delle aree protette del mondo," scrive Gleb Raygorodetsky, un ricercatore del progetto POLIS sull'Ecological Governance presso l'Università di Victoria e l'autore del libro "L'arcipelago della speranza: saggezza e resilienza dal bordo dei cambiamenti climatici".

Attingere a questa saggezza sta giocando un ruolo decisivo in luoghi scarsamente popolati come l'Artico, dove il cambiamento sta avvenendo rapidamente: il riscaldamento si sta verificando due volte più velocemente di altre parti del mondo. Tero Mustonen, ricercatore finlandese e capo del villaggio di Selkie, è pioniere della fusione tra TEK e scienza mainstream come direttore di un progetto chiamato Cooperativa Snowchange. "Le rilevazioni scientifiche sono in grado di rilevare i cambiamenti", afferma. "Ma cosa succede di conseguenza, cosa vuol dire?" È qui che le conoscenze tradizionali possono entrare in gioco attraverso persone native che si guadagnano da vivere nel paesaggio, cacciatori e pescatori che osservano i drammatici cambiamenti che avvengono in località remote: dallo scongelamento del permafrost alle modifiche nella migrazione delle renne e altri tipi di ridistribuzione della biodiversità.

Il popolo Skolt Sami della Finlandia, ad esempio, ha partecipato a uno studio pubblicato sulla rivista Science lo scorso anno, che ha adottato indicatori di cambiamenti ambientali basati su TEK. I Sami hanno visto e documentato un calo del salmone nel fiume Näätämö. In base alle loro conoscenze, si stanno adattando, riducendo il numero di reti che usano per catturare pesci, ripristinando i siti di deposizione delle uova e prendendo anche più lucci, che catturano il salmone giovane, come parte del loro pescato. Il progetto fa parte di un processo di co-gestione tra Sami e il governo della Finlandia.

Il progetto ha anche raccolto informazioni dai Sami sugli insetti, che dipendono dalla temperatura e forniscono un importante indicatore di un Artico in cambiamento. I Sami hanno assistito a cambiamenti drammatici nella gamma di insetti che si stanno dirigendo verso nord. Il coleottero scarbaeid, ad esempio, è stato documentato dai Sami mentre l'invasore arrivava nelle foreste di Finlandia e Norvegia, molto a nord del suo raggio abituale. È anche diventato parte della storia orale di Sami.

Non è solo nell'Artico. In tutto il mondo ci sono degli sforzi per usare la saggezza tradizionale per ottenere una migliore e più profonda comprensione del pianeta.

Secondo gli eco-antropologi, le persone che fanno capo a culture native sono in grado di percepire il mondo al di fuori del loro corpo. È una forma di maggiore consapevolezza abbastanza comune, riscontrabile nella maggior parte dei gruppi di cacciatori-raccoglitori. È un'abilità estremamente sviluppata di agilità cognitiva, di essere in grado di mettersi in un punto di vista e in una prospettiva di molte creature o anche oggetti come rocce, acqua, nuvole.

Gli esseri umani hanno una notevole sensibilità, immaginazione e capacità di essere cognitivamente agili, ma le culture moderne sono piene di distrazioni alla capacità sensoriale.

Tra i messaggi più importanti delle persone native ci sono il loro distacco e ottimismo. Parole come morte e oscurità, lì non hanno senso. Nonostante le terribili circostanze, mantengono la speranza per il futuro.

Scrivi un commento