riusa logotype

Convivere con l'acqua

Affrontare i cambiamenti climatici con parchi anziché con muri per contenere le maree: questo l'intento della Boston resiliente, sulla base del modello olandese di convivenza con le acque.

Per proteggersi dalle alluvioni, previste sempre più frequenti e devastanti, la città di Boston stava prendendo in considerazione la costruzione di un'enorme muro che separasse la città dal mare. Il muro avrebbe dovuto tagliare da nord a sud attraverso quasi 4 miglia il porto di Boston, costando 11 miliardi di dollari e almeno 30 anni per la costruzione. Ma un nuovo piano, presentato a ottobre, ha marcato una svolta a 180 gradi: invece di lottare per tenere lontana l'acqua, la città la lascia entrare.

Il sindaco di Boston, Martin Walsh, democratico, deve aver pensato che il muro fosse troppo aderente all'ideologia trumpiana, così ha annunciato che la città demolirà anche l'idea di un muro marittimo a favore, tra le altre cose, di un sistema di parchi sul lungomare e l'elevazione di alcune aree soggette a inondazioni. La città aggiungerà 67 ettari di nuovo spazio verde lungo la linea di battigia e ripristinerà 122 ettari di area di esondazione alla marea.

L'idea è quella di dare alle persone l'accesso al litorale quando il tempo è bello. Poi, quando i parchi periodicamente si allagano, il problema è assolutamente affrontabile.

Visto che il cambiamento climatico costringe le città a cimentarsi con l'innalzamento del livello del mare e tempeste sempre più potenti, le città costiere devono prepararsi a una maggiore probabilità di inondazioni, sia causa maree eccezionali, sia causa uragani che potrebbero scaricare svariati centimetri di pioggia in un breve periodo di tempo.

Negli ultimi cento anni, proteggere i quartieri ha spesso significato affidarsi alle mura marittime: grandi barriere di cemento progettate per resistere alle forti onde e all'innalzamento delle acque. Oltre a non essere particolarmente attraenti, sono costose, possono causare erosione e danneggiare la vita marina.

Gli urbanisti ora dicono che sono sempre più interessati a metodi allineati con il concetto olandese di "convivere con l'acqua". Invece di resistere all'acqua, le città la indirizzano verso dove vogliono che vada. Il lungomare reinventato di Boston, che la città costruirà entro il 2050, è stato progettato per gestire almeno 53 centimetri di innalzamento del livello del mare.

"Oltre a richiedere decenni per essere completata, una barriera avrebbe comportato nel suo insieme gravi problemi ecologici," ha detto recentemente Walsh a un comizio pubblico presso la Camera di Commercio di Greater Boston. "I progetti Shoreline sono modi più fattibili e più efficaci per aumentare la resilienza della nostra città. Questa è la nostra visione di una Boston resiliente. È un sistema non di barricate ma di spiagge e parchi, sentieri e spazi aperti."

Scrivi un commento