riusa logotype

In arrivo il fracking 2.0

Fracking

Grazie al fracking e al trumpismo, le lancette dell'orologio energetico della storia stanno andando all'indietro. Un'ondata di petrolio a buon mercato sta arrivando a sconvolgere i piani degli ambientalisti e degli accordi di Parigi.

Nonostante i governi di tutto il mondo adottino misure per ridurre le emissioni di CO2 per aiutare a combattere i cambiamenti climatici, le ultime previsioni del mercato petrolifero dell'Agenzia internazionale dell'energia (IEA) chiariscono che il mondo deve fare ancora molta strada prima di voltare le spalle ai combustibili fossili.

Secondo il rapporto Oil 2018 di IEA, si prevede che la capacità di produzione globale di petrolio raggiungerà i 107 milioni di barili al giorno (mb/g) entro il 2023. Gran parte di questa crescita è guidata dagli Stati Uniti, grazie al petrolio prodotto dalla fratturazione nel Bacino Permian, nel Texas occidentale, dove la produzione dovrebbe raddoppiare entro il 2023.

"La crescita dell'offerta non-OPEC è molto, molto forte, e cambierà molti parametri del mercato petrolifero nei prossimi anni", ha detto Fatih Birol, capo dell'Agenzia internazionale per l'energia, ai giornalisti alla conferenza sull'energia di CERAWeek. "Stiamo per assistere a una seconda ondata di produzione di shale negli Stati Uniti".

L'IEA prevede che la crescita della produzione di petrolio negli Stati Uniti soddisferà l'80% della crescente domanda globale nei prossimi tre anni, mentre Canada, Brasile e Norvegia forniranno il rimanente 20%.

"Grazie alla rivoluzione dello shale, gli Stati Uniti guidano il gruppo dei paesi non-OPEC, con una produzione totale di fluidi energetici che raggiunge quasi i 17 milioni di barili al giorno nel 2023, rispetto ai 13,2 milioni di barili al giorno nel 2017", si legge nell'analisi.

Il senatore repubblicano Dan Sullivan dell'Alaska, intervenuto anch'egli alla conferenza sull'energia di CERAWeek, ha dichiarato: "non c'è mai stato un momento più eccitante per il settore energetico americano." "Per me è chiaro che la rinascita dell'energia americana è ora in pieno svolgimento e viene sostenuta dalle politiche del governo federale", ha aggiunto.

Ma l'ambientalista Josh Fox, regista del documentario del 2010 nominato agli Oscar "Gasland", ha lamentato il risorgente boom dello shale.

"Sta arrivando una seconda ondata di fracking", ha twittato. "Ok fractivists (attivisti contro il fracking, ndr), è il momento per una seconda ondata di contestazione, perché non abbiamo un secondo pianeta su cui vivere."

Scrivi un commento