riusa logotype

Neve: cosa comporta la sua riduzione

Neve

La mancanza di neve nei sistemi ecologici e antropici che la prevedono è una conseguenza del riscaldamento globale. Ma quali problemi genera, a sua volta?

La copertura nevosa globale è diminuita sostanzialmente con il riscaldamento antropogenico, influenzando i sistemi biologici, socioeconomici e fisici. Questa è in sintesi l'opinione espressa da un editoriale su Nature Climate Change, la branca della rivista Nature che parla di clima.

L'articolo riporta una serie di commenti, recensioni, prospettive e ricerche originali che documentano l'importanza della neve nel sistema climatico e come questo potrebbe cambiare con il riscaldamento continuo.

La natura mutevole della neve sotto il riscaldamento antropogenico sta esercitando un impatto sostanziale sui sistemi fisici, biologici e socio-economici. Tuttavia, la comprensione di questi impatti è limitata da osservazioni inadeguate, limitate sia nella risoluzione spaziale che temporale.

Al di là del significato della neve nell'immaginario delle culture del nord, la neve è tecnicamente molto importante. È una componente chiave del sistema climatico globale, influenza i bilanci energetici di superficie, regola le temperature e governa i sistemi idrologici. Ciò che possiamo di sicuro osservare è che il ruolo della neve è influenzato dal cambiamento climatico antropogenico, con implicazioni potenzialmente gravi.

La neve si crea quando l'aria umida viene esposta a temperature inferiori ai 2°C, formando cristalli di ghiaccio che si agglomerano e cadono sotto il loro stesso peso. Pertanto, con temperature più calde, è auto evidente che la copertura nevosa globale diminuirà. Il riscaldamento previene la formazione di neve, causando la pioggia, e accelera lo scioglimento dei ghiacciai esistenti. Inoltre l'oscuramento della superficie dovute alla mancanza della neve per buona parte dell'anno determina una consistente riduzione dell'albedo superficiale, ossia la riflessione di parte delle radiazioni solari, che di fatto riducono sensibilmente l'effetto-serra.

L'aspetto più immediato per noi italiani, caratterizzati da un'ampia regione alpina, è banalmente quello sportivo-ricreativo, legato agli sport invernali. Ma non si tratta solo di qualche week-end perso per la borghesia cittadina. Nelle regioni di montagna, per esempio, la neve sostiene intere economie proprio grazie al turismo invernale e alle attività ricreative. Con il peggioramento delle condizioni della neve, è chiaro che il turismo sulla neve ha iniziato, e continuerà, a soffrire: la maggior parte delle stazioni sciistiche a livello mondiale segnala stagioni sciistiche più brevi, innevamento artificiale e numero di turisti inferiore.

Inoltre, queste località potrebbero essere esposte a ulteriori rischi di valanghe, poiché le temperature più calde e gli aumentati eventi di pioggia su neve agiscono per destabilizzare il manto nevoso. Un altro aspetto imbarazzante è la tecnologia dei cannoni spara-neve, che sta salvando molte stagioni in molte località, ma che per sua natura deve approvvigionarsi localmente di acqua, mettendo in grave crisi il sistema idrico montano, per esempio i laghetti di notevole importanza ecologica e paesaggistica.

McKenzie Skiles e collaboratori, in uno studio, suggeriscono che questo effetto potrebbe essere ancora amplificato in futuro a causa della maggiore deposizione di polvere associata all'aridificazione, nonché all'aumento delle emissioni di anidride carbonica nelle nazioni industrializzate.

Come riportato da Kat Bormann e colleghi, la copertura nevosa è già oggi più breve di un mese in vaste aree dell'emisfero settentrionale rispetto a 40 anni fa. In certe zone, questi cambiamenti sono più importanti, anche in tutta l'Eurasia.

Sintetizzando 30 anni di ricerca, Gina Henderson e co-autori dimostrano che la variabilità della neve in questa regione può forzare i cambiamenti nell'oscillazione del Nord Atlantico, perturbando la circolazione atmosferica, e quindi i modelli di temperatura e precipitazione, in gran parte del Emisfero nord. Anche il manto nevoso eurasiatico gioca un ruolo importante nel determinare i tempi e la forza dei monsoni estivi asiatici, su cui milioni di persone contano per l'acqua dolce. L'accoppiata neve-atmosfera ha quindi il potenziale di estendere gli impatti climatici della variabilità della neve ben oltre le regioni di neve anomala.

I cambiamenti nella copertura nevosa, tuttavia, non sono limitati a tali scale continentali. Come riportano Bormann et al. in un documento, la marcata perdita di neve è stata osservata anche in diverse località montane come la Sierra Nevada e l'Alta Montagna in Asia, dove la fusione è parte integrante della società. Questi cambiamenti nello scioglimento della neve minacciano ulteriormente la produzione di energia idroelettrica, una fonte energetica chiave in questi luoghi.

La neve è anche un importante determinante delle comunità biologiche e ha una precisa funzione negli ecosistemi: agisce come uno strato isolante protettivo contro il freddo atmosferico estremo, un rifugio per il letargo e un controllo sulla fenologia delle piante. Qualsiasi modifica delle caratteristiche della neve influenza queste funzioni. Per esempio, gli aumenti degli eventi pioggia-neve aumentano la probabilità che si formino strati di ghiaccio nel manto nevoso, minacciando piante, erbivori (come i lemming e le renne) e i loro predatori.

In uno studio, Pekka Niittynen e colleghi dimostrano che la riduzione della durata della copertura nevosa accelera i tassi di muschio locale, licheni e estinzione delle piante vascolari (tracheobionta) in Fenno-Scandinavia.

Scrivi un commento