riusa logotype

Ottimismo tra i riciclatori di batterie

Batterie2

C'è una diffusa fiducia tra i riciclatori di batterie che il volume delle batterie usate rimarrà elevato nei prossimi mesi.

Quasi il 70% dei partecipanti intervistati al Congresso Internazionale per il riciclo delle batterie (ICBR) svoltosi a Berlino gli scorsi 26, 17 e 28 settembre 2018, valuta positivamente lo sviluppo attuale e le previsioni sul futuro. Il risultato è stato quasi identico a quello determinato un anno fa, quando il sondaggio era stato condotto per la prima volta all'ICBR 2017. L'ottimismo dell'anno precedente rimane quindi costante.

Il sondaggio si basa su un'indagine condotta dal comitato direttivo dell'ICBR tra i partecipanti. Sebbene i risultati non siano rappresentativi, riflettono un significativo corpus di opinioni specialistiche all'interno del settore.

Nel sondaggio, ai partecipanti è stato chiesto di valutare la situazione aziendale attuale e futura da un punto di vista economico. I risultati mostrano che la loro valutazione è in qualche modo più attenuata rispetto a un anno prima. Tuttavia, la maggioranza dei partecipanti intervistati è ottimista:

Circa il 50% dei partecipanti ha un'opinione positiva dell'attuale situazione del settore. Un ulteriore 30 per cento valuta l'attuale situazione aziendale come invariata rispetto all'anno precedente. Uno su cinque non è soddisfatto dell'attuale situazione.

I risultati sono ulteriormente attenuati quando i partecipanti guardano al futuro: solo il 40% dei partecipanti intervistati ha ancora aspettative commerciali ottimistiche. La percentuale di coloro che si aspettano uno sviluppo costante è salita a poco meno del 35%. La proporzione di pessimisti è superiore a uno su cinque.

Alla domanda sui fattori che influenzano le prestazioni aziendali, i partecipanti fanno riferimento in particolare ai costi di riciclo e al volume delle batterie usate. Altri fattori includono l'influenza dei costi di trasporto, lo sviluppo del mercato per le batterie agli ioni di litio e le fluttuazioni dei prezzi per le materie prime.

Un altro argomento importante è, tuttavia, la legislazione, che è percepita come molto diversa dai vari partecipanti all'interno dell'UE. Questa valutazione è cambiata poco rispetto all'anno precedente. Oltre il 50% dei partecipanti al sondaggio considera invariato il quadro giuridico. Un terzo dei partecipanti ha dichiarato che il quadro giuridico ha avuto un impatto negativo sulla propria attività quest'anno.

Come giustificazione, i partecipanti al congresso fanno riferimento al fatto che la proposta della Commissione Europea per una revisione della Direttiva UE sulle batterie non è vincolante fino al 2020. Richiedono di nuovo un'armonizzazione a livello UE della classificazione delle pile usate e richiedono condizioni quadro uguali in tutti gli Stati membri. Inoltre, la revisione della direttiva sulle batterie dovrebbe tener conto anche della crescente tendenza verso le applicazioni di seconda vita per le pile usate.

"Tutto sommato, il sondaggio mostra che la maggior parte degli attori nel settore del riciclo delle batterie è fiduciosa," afferma Jean-Pol Wiaux, presidente del comitato direttivo dell'ICBR, riassumendo i risultati. "Tuttavia, i risultati non dovrebbero oscurare il fatto che in molti casi il flusso di batterie usate sia sufficiente ma non abbondante. Le fluttuazioni dei prezzi possono portare rapidamente a un cambiamento nel flusso di volume. Maggiore è l'efficienza della raccolta e del riciclaggio, maggiore è il contributo che il riciclo della batteria può apportare all'economia circolare. Ciò a sua volta rende necessario armonizzare gli obiettivi e le definizioni esistenti a livello di UE e la loro applicazione a parità di condizioni."

Scrivi un commento