riusa logotype

Via libera al pacchetto economia circolare

Cep

Il Parlamento europeo ha votato la scorsa settimana il pacchetto 'economia circolare' dell'UE (Circular Economy Package - CEP) dopo aver approvato formalmente gli obiettivi di riciclaggio più severi e le nuove misure per ridurre i rifiuti in tutta Europa.

Economia circolare implica ridurre al minimo i rifiuti e riutilizzare, riparare, ristrutturare e riciclare materiali e prodotti esistenti. L'UE spera che il suo pacchetto 'economia circolare' (Circular Economy Package - CEP), approvato mercoledì scorso, riduca la pressione sull'ambiente, migliori la sicurezza di approvvigionamento di materie prime, aumenti la competitività, l'innovazione e la crescita e crei posti di lavoro.

I ministri dell'ambiente dei 28 paesi dell'UE dovranno approvare formalmente l'accordo nelle prossime settimane, poi le leggi dovranno essere recepite ufficialmente nelle legislazioni nazionali entro 24 mesi da quel momento.

Gli Stati membri dell'UE saranno obbligati a raggiungere un tasso di riciclaggio comunale del 55% entro il 2025, il 60% entro il 2030 e il 65% entro il 2035. Ci sono obiettivi specifici per il 2030 per gli imballaggi (70%), e per ogni materiale di imballaggio: plastica (55%), legno (30%), metalli ferrosi (80%), alluminio (60%), vetro (75%) e carta e cartone (85%).

Oltre agli obiettivi specifici del materiale, gli Stati membri avranno tempo fino al 1° gennaio 2025 per istituire una raccolta differenziata per rifiuti tessili e rifiuti pericolosi delle famiglie e fino al 31 dicembre 2023 per garantire che i rifiuti organici siano raccolti separatamente o riciclati alla fonte (compostaggio domestico).

Nel pacchetto è incluso anche un obiettivo di riduzione delle discariche, con gli Stati membri che dovrebbero garantire che, a partire dal 2030, tutti i rifiuti idonei per il riciclaggio o altri tipi di recupero non saranno accettati nelle discariche, con l'eccezione dei rifiuti per i quali il collocamento in discarica rappresenta il miglior risultato ambientale. Inoltre, gli Stati membri garantiranno che entro il 2035 la quantità di rifiuti urbani inviati alla discarica sia ridotta a meno del 10 per cento del totale dei rifiuti urbani generati.

Vi sono disposizioni relative ai regimi di responsabilità estesa del produttore, secondo cui i produttori sono obbligati per legge a farsi carico della gestione della fase di rifiuto dei loro prodotti. I produttori saranno inoltre tenuti a versare un contributo finanziario a tale scopo. Inoltre, nella legislazione dell'UE sono stati introdotti regimi obbligatori di responsabilità estesa del produttore per tutti gli imballaggi.

"Con questo pacchetto, l'Europa è fermamente impegnata nello sviluppo economico e sociale sostenibile, che integrerà finalmente le politiche industriali e la protezione ambientale", ha affermato l'eurodeputata Simona Bonafè. "L'economia circolare non è solo una politica di gestione dei rifiuti, ma è un modo per recuperare le materie prime e non stravolgere le già scarse risorse del nostro pianeta, anche innovando profondamente il nostro sistema produttivo."

"Questo pacchetto contiene anche importanti misure sulla gestione dei rifiuti, ma allo stesso tempo va oltre, definendo regole che tengano conto dell'intero ciclo di vita di un prodotto e mirino a modificare il comportamento delle imprese e dei consumatori. Per la prima volta, gli Stati membri saranno obbligati a seguire un unico quadro legislativo condiviso."

Nonostante l'incertezza sulle future relazioni del Regno Unito con l'UE post-Brexit, il ministero britannico per l'ambiente (Defra) ha confermato che il Regno Unito aderirà al CEP e ai suoi obiettivi vincolanti. Dato che il Regno Unito non farà più parte dell'Unione europea nel momento in cui la legislazione entrerà in vigore, e certamente non entro il 2030, resta da vedere quanto sarà il reale impegno del Regno Unito a raggiungere gli obiettivi, e che tipo di misure l'UE potrebbe imporre nel caso di inadempienza.

Commentando la notizia, Piotr Barczak, Responsabile delle politiche sui rifiuti presso l'European Environmental Bureau, ha dichiarato: "Dopo anni di discussioni, è giunto il momento per i paesi dell'UE di parlare di riduzione dei rifiuti. Queste leggi sono necessarie per affrontare alcune delle questioni più urgenti del mondo, come l'inquinamento nelle nostre città e l'ambiente."

"Le città di tutta Europa hanno già fatto passi avanti per ridurre gli sprechi e migliorare il riciclaggio. Le nuove leggi avrebbero potuto essere più ambiziose, ma la loro attuazione aiuterà i governi a consolidare questo progresso con benefici per le persone e la società nel suo insieme."

Nel frattempo, Ferran Rosa, di Zero Waste Europe, ha manifestato un cauto ottimismo, dicendo: "Adesso che abbiamo un pacchetto di economia circolare, è ora di realizzare l'economia circolare. Il vero lavoro inizia ora, con l'attuazione della legislazione approvata, che deve diventare una priorità per ogni governo nazionale e locale in Europa."

"La trasposizione è solo una formalità, il vero test sarà per gli Stati membri cambiare il modo in cui affrontano le risorse naturali, per eliminare gradualmente il conferimento in discarica e l'incenerimento, promuovendo al contempo una migliore progettazione dei prodotti e i giusti incentivi economici."

"Il pacchetto rifiuti è un passo importante verso un'economia circolare forte e competitiva", ha aggiunto Umberto Raiteri, amministratore delegato della piattaforma europea di riciclaggio (ERP), che ha anche espresso soddisfazione per il fatto che rifiuti problematici come i rifiuti di imballaggio, quelli elettrici ed elettronici (RAEE) e le batterie saranno oggetto di ulteriori sforzi per evitare discarica e incenerimento.

Michal Len, direttore di RREUSE, un'organizzazione paneuropea che rappresenta imprese sociali attive nel riuso, nella riparazione e nel riciclaggio, lamenta la mancanza di ambizione del CEP, sostenendo che gli Stati membri sembrano già oggi superare i requisiti stabiliti per il riutilizzo. Gli Stati membri avranno comunque l'opportunità di andare oltre le nuove regole durante il recepimento e sono incoraggiati a guardare ai paesi e alle regioni che, ad esempio, stanno già fissando obiettivi quantitativi per il riutilizzo, attività ben più ambiziosa del riciclo.

Hans van Bochove, di Coca-Cola, nel suo ruolo di presidente dell'organizzazione europea dei produttori di imballaggi (EUROPEN), ha commentato: "Dopo quasi tre anni di negoziati, questa adozione rappresenta un passo significativo per la catena di approvvigionamento di imballaggi dell'UE verso un'economia circolare."

Scrivi un commento