riusa logotype

Smart city: il caso di Orlando

Dai tetti verdi alle colture di alghe: la visione di Orlando per l'energia senza emissioni di carbonio.

Orlando è stata a lungo un'importante destinazione turistica. Ora, sembra aver cambiato vocazione. Vuole essere la pioniera nell'indipendenza dall'energia basata sul carbonio.

Questa aspirazione traspare dalle migliaia di stagni in tutta la città che raccolgono il deflusso dai frequenti acquazzoni della Florida centrale. I pannelli solari galleggianti ricoprono parte di questi stagni, inviando energia alla rete.

Altre prove si trovano lungo le strade della città, dove i pannelli solari in cima ai lampioni li alimentano invece di usare la rete elettrica. Circa 18.000 dei 25.000 lampioni della città sono già stati convertiti in led ad alta efficienza.

Anche le piscine di alghe hanno un ruolo. È qui che i funzionari stanno testando un sistema per intrappolare il carbonio che la città emette dalle centrali elettriche o dai trasporti, piuttosto che rilasciarlo nell'atmosfera.

Orlando, in breve, sta studiando il suo sistema per ridurre gli effetti del cambiamento climatico. In parte, sta entrando dove il governo federale si è tirato indietro. È tra le quasi 300 città e contee americane che hanno riaffermato gli obiettivi dell'accordo sul clima di Parigi da quando il presidente Trump ha annunciato lo scorso anno il ritiro gli Stati Uniti dal patto.

"Il rischio per noi non sta cambiando", sostiene Clint Bullock, amministratore delegato della società elettrica municipale di Orlando.

Orlando ha fissato l'obiettivo di generare tutta la sua energia da fonti senza emissioni di carbonio entro il 2050. I suoi sforzi saranno riconosciuti il ​​mese prossimo in una grande conferenza sul clima in California. Stabilire gli obiettivi è molto più facile che raggiungerli. E i gruppi ambientalisti come il Sierra Club si stanno agitando per assicurarsi che gli impegni siano più che semplici chiacchiere.

Il sindaco Buddy Dyer riconosce che gli obiettivi della città richiederanno qualcosa di più che una soluzione. "Come comunità, siamo davvero bravi a creare visioni", ha detto. "Penso che tutti riconosciamo che abbiamo bisogno di avanzamenti tecnologici per arrivare al 100 %."

Molte delle aspettative si basano sull'energia solare. Entro il 2020, l'energia solare dovrebbe costituire l'8% della produzione di energia elettrica dell'utenza di proprietà della città, che alimenta gran parte dell'area metropolitana, compresi gli Universal Studios e SeaWorld, mentre le utility di proprietà degli investitori servono alcune aree limitrofe.

L'azienda municipale ha installato attrezzature per generare 20 megawatt di energia solare comunitaria, sufficienti per alimentare circa 3.200 case, in luoghi come i baldacchini sopra i parcheggi. I 280.000 abitanti della città contribuiscono con altri 10 megawatt di energia solare dalle apparecchiature sui loro tetti.

Come incentivo per l'installazione di pannelli solari, i proprietari di case ricevono il pieno valore al dettaglio per l'elettricità che inviano alla rete elettrica, un accordo noto come netmering. L'utility fornisce anche l'installazione a prezzi scontati di apparecchiature solari domestiche e sta cercando di offrire batterie.

Il municipio vuole far galleggiare un grande pannello solare sulle vasche di un impianto di trattamento delle acque, offrendo potenzialmente un modello per città e servizi pubblici a livello nazionale.

Ma l'energia solare da sola non porterà Orlando al 100% di energia pulita, dicono gli esperti. Nel caso di Orlando, circa il 47% del mix energetico proviene da due unità a carbone.

La città sta rivedendo il futuro della componente del carbone. Mentre Orlando cerca di aumentare il suo uso di fonti intermittenti come l'energia eolica e solare, lo stoccaggio delle batterie sarà importante, ma rimane costoso.

E i critici sostengono che concentrarsi sulle centrali elettriche risolva solo una parte del problema dei gas serra. Nel 2017, poco più di un terzo del consumo energetico nazionale proveniva dall'industria elettrica, mentre i trasporti e il settore industriale ne costituivano circa la metà, secondo l'Energy Information Administration.

Un altro punto debole è l'intenzione di raggiungere il 100 per cento senza emissioni di carbonio acquistando crediti prodotti da centrali elettriche carbon-free situate altrove. Non è esattamente come consumare direttamente quell'energia prodotta lontano, ma in qualche modo incoraggia lo sviluppo di fonti di energia pulita.

Ma Orlando punta a fare tutto il possibile per raggiungere i suoi obiettivi nella pratica, non solo sulla carta. E si sta muovendo su molti fronti.

Alcune misure mirano a frenare piuttosto che eliminare l'uso di combustibili a carbonio. Il gas naturale alimenta il sistema di autobus gestito dal governo che serve la città e tre contee vicine, ei camion della spazzatura hanno motori ibridi, riducendo l'uso della benzina. Le forze di polizia sono ancora più avanti, con le motociclette elettriche.

Molti edifici e attività della città sono passati a sistemi energeticamente efficienti con l'obiettivo di non prelevare alcun kwh dalla rete elettrica entro il 2030. Parte dell'obiettivo è ridurre le emissioni e l'uso di energia elettrica anziché solo passare alla potenza da fonti prive di carbonio.

Più progressi vengono fatti per raggiungere l'obiettivo, maggiore è lo sforzo richiesto per colmare il divario dal 100%. Ma questo sembra non spaventare la comunità di Orlando.

Scrivi un commento