riusa logotype

Aumenteranno gli incendi

Un futuro più secco prepara il terreno per maggiori incendi. L'ente aerospaziale USA sta raccogliendo una messe di dati che sono utilizzati da vari studi.

La siccità può creare condizioni ideali per gli incendi. Alberi secchi e vegetazione forniscono carburante. La bassa umidità del suolo e dell'aria rende più facile la propagazione degli incendi rapidamente. In queste condizioni, una scintilla da fulmine, guasti elettrici, errori umani o piromani possono rapidamente sfuggire al controllo. Mentre il clima della Terra si scalda e cambiano i modelli di precipitazioni, siccità sempre più gravi lasceranno alcune aree del mondo vulnerabili a incendi sempre più gravi.

Si prevede che il cambiamento climatico globale cambierà i modelli di precipitazioni e di evaporazione in tutto il mondo, portando a un clima più umido in alcune aree e più secco in altre. Le aree che affrontano siccità sempre più gravi saranno a rischio di incendi sempre maggiori.

Diversi progetti della NASA raccolgono dati preziosi per aiutare gli scienziati e i soccorritori di emergenza a monitorare la siccità e gli incendi. Alcuni strumenti monitorano l'acqua all'interno e al di sotto del suolo, contribuendo a valutare se le aree si stanno muovendo verso siccità pericolose. Altri guardano il calore e il fumo dagli incendi, supportando sia la ricerca che il recupero attivo di emergenza.

Capire come si comportano gli incendi in condizioni di asciutto può aiutare i vigili del fuoco, i primi soccorritori e altri a prepararsi per un futuro più caldo e più secco.

Si prevede che il clima di riscaldamento terrestre renderà più estreme le precipitazioni globali: le aree umide diventeranno più umide e le aree asciutte diventeranno più asciutte.

Ben Cook del Goddard Institute for Space Studies della NASA (GISS) della New York City studia le grandi siccità, quelle che che durano più di trent'anni. Si sono verificate in passato, tra il 1100 e il 1300, e il team ha utilizzato i record degli anelli degli alberi per confrontare questi periodi di siccità con le proiezioni future.

Esaminando i dati sull'umidità del suolo e gli indici di gravità della siccità da 17 diversi modelli climatici futuri, ne è scaturita la previsione che, se le emissioni di gas serra continuassero ad aumentare al ritmo attuale, il rischio di una mega-siccità nel sud-ovest americano potrebbe arrivare all'80% entro la fine del secolo. Inoltre, questi periodi di siccità saranno probabilmente più gravi di quelli osservati nell'ultimo millennio.

Tali gravi siccità influenzeranno la quantità e la secchezza del combustibile come alberi ed erba. Il fuoco dipende da due cose: carburante e scarsa umidità. Più siccità significa più fuoco quando la vegetazione si asciuga. C'è anche da dire che, se le siccità durano un lungo periodo, ciò può significare meno fuoco, perché la vegetazione non ricrescerà velocemente, e mancherebbe carburante da bruciare.

Le misurazioni attuali e future della NASA dell'umidità del suolo e delle precipitazioni aiuteranno a valutare le previsioni dei modelli climatici, rendendole ancora più accurate e utili per comprendere il clima mutevole della Terra.

Cook e la sua collega GISS Kate Marvel sono stati i primi a fornire prove del fatto che le emissioni di gas serra generate dall'uomo stavano influenzando i modelli di siccità osservati già nei primi anni del 1900. Dimostrando che le attività umane hanno già colpito la siccità in passato, la loro ricerca fornisce la prova che il cambiamento climatico dalle emissioni di gas serra prodotte dall'uomo probabilmente influenzerà la siccità in futuro.

Una volta che cambiamo la climatologia e otteniamo carburanti più secchi e asciutti, dovremmo aspettarci incendi più intenso e una maggiore severità del fuoco. Combustibili umidi rendono il fuoco limitato vicino al suolo e meno distruttivo, ha detto. Alberi e piante secche rendono più probabile che le fiamme raggiungano la chioma, rendendo il fuoco più distruttivo e più difficile da controllare.

Kochanski e Jan Mandel dell'Università del Colorado Denver hanno utilizzato i dati della NASA e altre fonti per simulare le interazioni tra incendi, umidità del suolo e condizioni meteorologiche locali.

Questo modello utilizza i dati del Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) della NASA a bordo dei suoi satelliti Aqua e Terra e del Visimet Radiometer Suite (VIIRS) visibile a bordo del veicolo spaziale Suomi National Polar-Orbiting Partnership (Suomi NPP).

Il clima influenza gli incendi, ma gli incendi influenzano anche il clima locale producendo calore, vapore acqueo e fumo, sostiene Kochanski. I venti provenienti da grandi incendi possono alterare i modelli meteorologici locali e, in condizioni estreme, generare tempeste di fuoco e trombe d'aria.

Anche se c'è poco vento, ma il fuoco è intenso e rilascia molto calore, ha il potenziale per generare venti propri. Così il fuoco inizierà a muoversi come se fosse davvero ventoso.

Gli effetti degli incendi persistono a lungo dopo la loro estinzione e la disponibilità o la mancanza di acqua dolce svolgono un ruolo importante nella ricrescita e nel recupero della vegetazione. Le condizioni secche possono impedire ai semi nuovi di germinare nelle aree bruciate. La perdita di vegetazione può portare all'erosione e ai sedimenti che ostruiscono i corsi d'acqua e le sostanze chimiche che combattono il fuoco possono contaminare le fonti d'acqua.

Gli incendi boschivi possono avere un impatto anche sui futuri nevai invernali. Anche qui, i dati della NASA sono fondamentali per comprendere i processi coinvolti. Kelly Gleason, idrogeologa alla Portland State University, ha scandagliato con la sua squadra 16 anni di dati dallo strumento MODIS della NASA per indagare sugli effetti degli incendi boschivi sullo scioglimento delle nevi nelle foreste dell'ovest degli Stati Uniti. Hanno scoperto che la fuliggine e i detriti dal fuoco rendono la neve più scura e meno riflettente anche 15 anni dopo un incendio.

Questo induce il manto nevoso ad assorbire più energia solare, e c'è comunque più energia, perché la volta della foresta è stata bruciata, quindi passa più sole. Secondo questa ricerca, tra il 2000 e il 2016 la neve nelle foreste bruciate si è sciolta, in media, cinque giorni prima rispetto alla neve nelle foreste non danneggiate. In alcune zone la neve si è sciolta settimane o mesi prima del normale.

Questo crea un circolo vizioso in cui la neve si scioglie prima a causa dei cambiamenti climatici, che prolunga il periodo di siccità estiva dove il terreno si asciuga e quando i combustibili si asciugano, ottieni grandi incendi, accelerando ulteriormente lo scioglimento della neve, estendendo ulteriormente la siccità estiva periodo e potenziale di fuoco.

I modelli di fuoco e atmosfera di Mandel e Kochanski sono già in uso operativo in Israele e in Grecia. Mentre il software richiede competenze informatiche da utilizzare, è disponibile gratuitamente, in linea con la missione della NASA di fornire gratuitamente i propri dati e altri prodotti al pubblico.

Scrivi un commento