riusa logotype

RAEE in Nigeria

Iniziativa da 15 milioni di dollari per incentivare il riciclaggio dei rifiuti elettronici in Nigeria.

Qualcosa si muove per la montagna di RAEE che ogni anno i paesi occidentali riversano in Africa. Un'iniziativa da $ 15 milioni (€ 13,3 milioni) con il Global Environmental Facility (GEF) e la sezione ambiente delle Nazioni Unite, è stata lanciata per favorire l'economia circolare per i prodotti elettronici in Nigeria. Il progetto mira a porre fine alla gestione impropria dei rifiuti elettronici nel paese, riunendo attori del governo, del settore privato e della società civile.

Il progetto promuoverà il riciclo di componenti elettronici utilizzabili, sviluppando allo stesso tempo sistemi per lo smaltimento di rifiuti tossici e non utilizzabili. Mira a raccogliere, trattare e smaltire più di 270 tonnellate di rifiuti elettronici contaminati da inquinanti organici persistenti (POP, sostanze chimiche che si accumulano piuttosto che degradare in natura) e 30 tonnellate di rifiuti contenenti mercurio.

Ibukun Odusote, segretaria del ministero dell'Ambiente, ha osservato che il progetto sosterrà l'Organizzazione per la responsabilità dei produttori di rifiuti elettronici (EPRON), un'iniziativa-chiave del governo nigeriano per promuovere la produzione e il consumo sostenibili incoraggiando i produttori ad assumersi la responsabilità per l'intero ciclo di vita dei loro prodotti.

Naoko Ishii, CEO e presidente di GEF, ha dichiarato: "Per realizzare un mondo senza sprechi, dobbiamo ripensare radicalmente la nostra relazione con le risorse naturali e i principali sistemi economici. Dobbiamo adottare un nuovo modo di fare impresa che riunisca tutti gli attori lungo la catena di approvvigionamento e attraverso interi settori."

Il progetto di rifiuti elettronici nigeriani metterà in pratica questo modo di pensare ed è un approccio che speriamo che altri paesi africani adottino.

Il direttore esecutivo dell'ambiente delle Nazioni Unite, Inger Anderson, ha aggiunto: "I vantaggi ambientali ed economici di un'economia circolare sono chiari. Questa partnership innovativa con il governo della Nigeria e il Global Environment Facility è un passo positivo negli sforzi del Paese per dare il via a un sistema elettronico circolare, che l'ambiente delle Nazioni Unite è orgoglioso di sostenere."

I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) rappresentano un flusso di rifiuti estremamente problematico: i tassi di riciclo sono bassi e gran parte dei rifiuti finisce per essere esportata e trasformata in modo informale nei paesi in via di sviluppo, come la Nigeria. I lavoratori in questi siti di lavorazione (spesso simili a discariche) sono esposti a sostanze pericolose, con i rifiuti a volte bruciati all'aria aperta, rilasciando fumi tossici nell'atmosfera. Nonostante le condizioni pericolose, molti lavoratori dipendono dallo smistamento dei rifiuti per guadagnarsi da vivere.

Un rapporto delle Nazioni Unite, pubblicato a febbraio, ha evidenziato la portata del problema, rivelando che ogni anno vengono prodotti 50 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici. La relazione sottolinea che, globalmente, una media del 20% di rifiuti elettronici è segnalata come adeguatamente raccolta e riciclata, lasciando il restante 80% senza documenti. Gran parte di essa viene scaricata in discarica o trasformata in siti di riciclaggio informali.

Spedizioni su vasta scala di rifiuti elettronici provenienti dagli Stati Uniti e dall'Europa vengono inviati in Africa, con volumi elevati che vanno in Ghana (vedi RAEE: tossine nelle uova africane), Costa d'Avorio e Repubblica del Congo. La Nigeria si occupa di oltre 1,1 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici ogni anno, da articoli elettrici locali e importati.

Secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro, fino a 100.000 persone lavorano nel settore informale del riciclaggio dei rifiuti elettronici in Nigeria. Questi lavoratori comunemente soffrono di problemi respiratori e dermatologici, nonché infezioni agli occhi e aspettativa di vita inferiore alla media, a seguito di esposizione diretta a sostanze chimiche pericolose.

Il rapporto delle Nazioni Unite che rivela che il 7% dell'oro mondiale può attualmente essere contenuto nei rifiuti elettronici, un sistema elettronico circolare sicuro ed efficiente potrebbe rivelarsi un investimento proficuo.

La Nigeria ha già preso provvedimenti per affrontare l'eccesso di rifiuti elettronici, con un investimento di $ 2 milioni (€ 1,8 milioni) per aumentare il riciclaggio dei RAEE annunciato a febbraio di quest'anno, in coincidenza con il rapporto delle Nazioni Unite.

L'iniziativa da 15 milioni di dollari con le Nazioni Unite e il GEF rappresenta il prossimo passo nella missione della Nigeria per prevenire gli impatti nocivi dei rifiuti elettronici, sia sull'ambiente che sulle migliaia di persone che lavorano nei siti di lavorazione.

Scrivi un commento