riusa logotype

L'Australia Meridionale è circolare

L'Australia meridionale ha abbracciato l'economia circolare, grazie al divieto di materie plastiche monouso, all'impegno per le energie rinnovabili e a un gruppo di aziende che promuovono il riutilizzo.

Sebbene le Nazioni Unite riferiscano che meno del 10% di tutta la plastica del mondo viene riciclato, l'Australia Meridionale, Stato federato dell'Australia, situato nella parte centromeridionale del continente, con capitale Adelaide, trasferisce più dell'80% dei suoi rifiuti dalle discariche per essere compostati o riutilizzati nell'economia circolare. Sono dati di un rapporto di sostenibilità del governo.

L'impegno dell'Australia meridionale con l'economia circolare è dimostrato dall'impegno per la sostenibilità: lo stato raccoglie ogni anno otto gigalitri di acqua piovana per il riutilizzo e fonti di energia rinnovabile per oltre il 50 percento, nonché concede sussidi per industrie e politiche che si occupano di queste cose.

Quando a luglio il ministro per l'ambiente e l'acqua del Sud Australia, David Speirs, ha annunciato il divieto della plastica monouso, ha reso il suo Stato leader nella guerra ai rifiuti.

L'Australia Meridionale si impegna a lavorare con la comunità e le parti interessate per affrontare gli impatti della plastica monouso "per garantire che continuiamo a mantenere la reputazione di questo stato come leader nella gestione dei rifiuti".

Le aziende locali stanno aprendo la strada all'innovazione verde, con una serie di imprese che danno nuova vita ai materiali e interagiscono con l'economia circolare.

Sebbene l'Agenzia per la protezione ambientale nell'Australia meridionale riferisca che i contenitori per bevande rappresentino solo il 2,8 per cento dei rifiuti, lo stato ha un tasso di restituzione di quasi il 77 per cento e guida la nazione.

Sono stati progettati nuovi sistemi di deposito di container intelligenti e i terminali hanno una precisione superiore al 99% nel conteggio dei contenitori di deposito.

Anche il settore del compostaggio alimenta l'economia circolare. Lo fa sviluppando e producendo pacciame, suolo e substrati da materiali naturali che verrebbero scartati.

Deviando i rifiuti verdi dalle discariche, l'azienda può convertire i materiali, come rifiuti animali raccolti dai macelli, in prodotti di alta qualità per le industrie orticole e agricole private e commerciali, come i condizionatori del suolo, il pacciame e gli stimolanti liquidi.

Il materiale forestale recuperato, i legni da costruzione, i sottoprodotti agricoli, i prodotti biologici e alimentari vengono compostati e trasformati in una varietà di prodotti di alta qualità.

La corteccia di pino recuperata dall'industria del legno viene trasformata e compostata trasformandola in un impasto di qualità superiore. Questo viene quindi utilizzato dall'industria dei vivai per coltivare piante, o per coltivare nuovi alberi di pino. Il mix di impregnazione viene anche insaccato e venduto nel mercato al dettaglio per i giardinieri domestici.

Scrivi un commento