riusa logotype

Etiopia: siccità dovuta al riscaldamento globale

Le comunità della regione somala dell'Etiopia stanno affrontando una siccità cronica legata ai cambiamenti climatici.

In molti villaggi, nel centro della regione somala dell'Etiopia, le donne sono costrette a percorrere, tre volte al giorno, chilometri e chilometri sotto il sole africano, per prendere l'acqua per la propria famiglia. Portando le taniche sulle spalle, o a dorso d'asino. Anche la qualità dell'acqua è pessima, il che a volte provoca malattie intestinali.

La regione somala soffre di siccità cronica da diversi anni. Il culmine è stato nel 2016, periodo dal quale molte famiglie devono ancora riprendersi. Quest'anno, la breve stagione delle piogge, nota come "Belg", che in genere dura da marzo a maggio, non è riuscita ancora una volta a ricaricare le falde sotterranee come ci si attendeva. Il bestiame ha già iniziato a morire.

Ciò ha avuto conseguenze catastrofiche per le comunità pastorali che costituiscono la maggioranza della popolazione somala. Per il loro sostentamento fanno affidamento sul bestiame: venderli, bere latte e mangiare carne.

Dall'inizio dell'anno, ha piovuto solo cinque giorni, ed erano piogge molto piccole. Per questo l'erba non è cresciuta abbastanza per nutrire il bestiame.

Per contrastare gli effetti della siccità, il governo etiope deve fare affidamento sull'aiuto delle ONG e delle Nazioni Unite (ONU). L'ente delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) ha recentemente distribuito medicinali per l'allevamento e dato da mangiare a 79.000 famiglie. Ma non è ancora abbastanza per tutti.

"Non abbiamo la capacità di contrastare la siccità a livello di governo", sostiene Tahir Beder Farah, responsabile FAO per il distretto di Lasdenkeyre. "Abbiamo le nostre risorse, ma l'impatto della siccità è enorme, e il prezzo dei mangimi è molto alto. Quindi, anche se abbiamo un piano, non è sufficiente per la nostra comunità".

Durante periodi prolungati di siccità, gli animali diventano più vulnerabili alle malattie. Le mandrie si mescolano di più, poiché le fonti d'acqua scarseggiano, aumentando il rischio di contagio. Il trattamento rapido e adeguato del bestiame diventa una priorità per gli agricoltori.

I bovini sono i più vulnerabili alla siccità, seguiti da pecore e capre. Se non si tutelassero i principali animali riproduttori in questa fase della siccità, ciò porterebbe alla mortalità di massa degli animali e le famiglie sarebbero spogliate dei propri mezzi di sussistenza. Ricostruire in seguito questi mezzi di sussistenza persi sarebbe un compito enorme.

Nonostante l'assistenza, decine di migliaia di famiglie non hanno ancora ricevuto un sostegno adeguato, rendendo il bestiame soggetto a malnutrizione, transumanza forzata e morte. Le famiglie che hanno ricevuto aiuti di emergenza hanno già sperimentato miglioramenti nelle condizioni di vita.

Le scorte di cibo e medicinali dovrebbero durare almeno tre mesi. Ma le famiglie sono lo stesso preoccupate che la stagione delle piogge continuerà a mancare negli anni a venire. Questa paura è rafforzata dagli esperti del clima, che affermano di aver notato una correlazione tra siccità ricorrenti nella regione e cambiamenti climatici.

Scrivi un commento