riusa logotype

Nascita di un iceberg

Un iceberg da 315 miliardi di tonnellate si stacca dall'Antartide.

L'Amery Ice Shelf, l'enorme ghiacciaio in Antartide, ha appena prodotto il suo più grande iceberg in oltre 50 anni. Il blocco copre 1.636 kmq di superficie ed è chiamato D28.

La massa ha una dimensione tale che dovrà essere costantemente monitorata, perché in futuro potrebbe rappresentare un pericolo per la navigazione. Era dall'inizio degli anni '60 del secolo scorso che Amery non generava un iceberg di queste dimensioni. Il precedente aveva addirittura 9.000 km quadrati di superficie.

Amery è il terzo più grande ghiacciaio in Antartide ed è pure un canale di drenaggio chiave per l'est del continente. Si tratta essenzialmente l'estensione galleggiante di una serie di ghiacciai che scorrono dalla terra verso il mare. Il fatto che questi iceberg si stacchino dal ghiacciaio è il modo con cui queste masse ghiacciate mantengono l'equilibrio, bilanciando l'ingresso di neve a monte.

Per questo motivo, gli scienziati sapevano che questo evento si stava per verificare. La cosa interessante è che molta attenzione nella zona era stata focalizzata a est della sezione che ora è stata interrotta, un segmento di Amery che era diventato affettuosamente noto come "dente allentato" a causa della sua somiglianza nelle immagini satellitari con il dente di un bambino piccolo.

Sebbene traballante, il dente allentato è rimasto ancora attaccato. È stato il D28, apparentemente più solido, a essere stato estratto.

"È una specie di molare, rispetto a un dente da latte", sostiene la prof.ssa Helen Fricker della Scripps Institution of Oceanography. Nel 2002 Fricker aveva previsto che il dente allentato si sarebbe staccato fuori tra il 2010 e il 2015.

"Sono entusiasta di assistere a questo evento dopo tutti questi anni. Sapevamo che sarebbe successo alla fine, anche se non è esattamente dove ci aspettavamo che fosse", ha dichiarato.

Pare non vi sia alcun legame tra questo evento e il cambiamento climatico. I dati satellitari dagli anni '90 hanno dimostrato che Amery è sostanzialmente in equilibrio con l'ambiente circostante, nonostante si sia verificato un forte scioglimento della superficie in estate.

"In realtà c'è molto di cui preoccuparsi in Antartide, ma non c'è ancora motivo di allarmarsi per questa particolare piattaforma di ghiaccio", ha aggiunto Fricker.

È possibile che la perdita di un iceberg così grande cambierà la geometria sulla parte anteriore della piattaforma di ghiaccio. Ciò potrebbe influenzare il comportamento delle crepe e persino la stabilità del dente allentato.

Si calcola che D28 abbia uno spessore di circa 210m e contenga circa 315 miliardi di tonnellate di ghiaccio.

Le correnti e i venti in mare aperto porteranno la D28 verso ovest. È probabile che ci vorranno diversi anni prima che si rompano e si sciolgano completamente.

Scrivi un commento