riusa logotype

Farmaci nei fiumi: è allarme

Gli scienziati avvertono che l'inquinamento da farmaci nei fiumi ha raggiunto livelli dannosi per animali ed ecosistemi in generale.

Il deflusso delle acque reflue può contaminare i fiumi con residui di farmaci da parte di persone e quelli utilizzati nel bestiame.

Farmaci tra cui antibiotici e antiepilettici sono sempre più presenti nei fiumi del mondo a concentrazioni che possono danneggiare gli ecosistemi, così dimostra uno studio.

I ricercatori olandesi hanno sviluppato un modello per stimare le concentrazioni di farmaci nei sistemi di acqua dolce del mondo per prevedere dove potrebbero causare il maggior danno alla catena alimentare.

Lo studio, pubblicato su Environmental Research Letters, si concentra su due particolari farmaci: ciprofloxacina (antibiotico) e carbamazepina (farmaco antiepilettico).

Tra il 1995 e il 2015 l'aumento delle concentrazioni dei farmaci e l'aumento del numero delle falde acquifere contaminate, ha comportato che i rischi per gli ecosistemi acquatici sono da 10 a 20 volte più alti rispetto a due decenni prima.

La carbamazepina è stata trovata responasabile nell'interruzione dello sviluppo dei processi digestivi di uova e molluschi e lo studio ha rilevato che i rischi potenziali sono più pronunciati nelle aree aride con alcuni flussi importanti.

I rischi sono molto più diffusi per la ciprofloxacina, con 223 dei 449 ecosistemi testati che mostrano un significativo aumento del rischio.

"Le concentrazioni di questo antibiotico possono essere dannose per i batteri nell'acqua, e questi batteri a loro volta svolgono un ruolo importante in vari cicli di nutrienti", sostiene l'autore dello studio, Rik Oldenkamp dell'Università di Radboud.

I rischi ambientali della ciprofloxacina nelle acque dolci sono aumentati in tutto il mondo tra il 1995 e il 2015. "Gli antibiotici possono anche avere," prosegue Oldenkamp, "un impatto negativo sull'efficacia delle colonie di batteri utilizzate nel trattamento delle acque reflue".

Ancora più preoccupante è il fatto che, quando Oldenkamp e colleghi hanno confrontato le loro previsioni con campioni provenienti da quattro sistemi fluviali, hanno scoperto che il loro modello stava sottovalutando il rischio.

I residui farmaceutici possono entrare in questi sistemi di acqua dolce attraverso le acque reflue provenienti da sistemi fognari mal gestiti, ma anche dal ruscellamento su campi per i farmaci utilizzati nel bestiame.

Questo è diventato un problema globale a causa del rischio che acceleri la velocità con cui i batteri sviluppano modi per resistere agli antibiotici, rendendoli inefficaci quando qualcuno ha un'infezione potenzialmente letale.

"C'è poca consapevolezza del ruolo dell'ambiente in questo problema, anche se diventa sempre più chiaro che l'ambiente funziona come una fonte di resistenza per vari patogeni," dice Oldenkamp.

Esiste anche un rischio per il mondo naturale se le concentrazioni di droga si accumulano e influenzano il comportamento animale, o ostacolano i batteri che eseguono la decomposizione e l'ossigenazione del suolo, processi che sostengono la vita.

L'Europa e altre regioni sviluppate hanno progetti di monitoraggio della qualità dell'acqua a lungo termine; ma molte delle aree più vulnerabili a questi effetti non lo fanno, e Oldenkamp ha affermato che questi purtroppo sarebbero i luoghi in cui il loro studio si sarebbe dimostrato più utile.

"Il nostro modello prevede un rischio ambientale relativamente elevato per le eco-regioni in aree densamente popolate e secche come il Medio Oriente, tuttavia quelle sono proprio le aree in cui ci sono pochi dati sull'uso farmaceutico e le concentrazioni nelle acque di superficie", ha concluso.

Scrivi un commento