riusa logotype

La foresta pluviale amazzonica sta bruciando

Il fuoco è così imponente che può essere visto dallo spazio. Non si tratta di incendi, ma di deforestazione.

Quest'anno, la foresta pluviale amazzonica sta bruciando a un ritmo senza precedenti, dopo la storica deforestazione in seguito all'elezione del presidente di destra Jair Bolsonaro.

Nell'Amazzonia sono stati registrati circa 74.000 incendi nel 2019, rispetto ai 40.136 incendi nel 2018. Il record del numero di incendi risale è del 2013: negli anni successivi, il secondo anno peggiore fu il 2016, con 68.484 incendi.

Bolsonaro, eletto col programma elettorale esplicito di smantellare i sistemi messi in atto per proteggere ciò che resta della quota brasiliana dell'Amazzonia (il 60%), ha dichiarato di essere scettico su questi numeri, e che pensa che gli incendi siano stati creati ad arte da organizzazioni non governative (ricorda qualcosa, questo capro espiatorio?), arrabbiate perché il presidente ha tolto loro i finanziamenti. Quello che concretamente viene fatto dal governo brasiliano per fermare gli incendi non è chiaro.

La notizia ha un'importanza enorme, perché ciò che accade in Amazzonia influenzerà il clima globale. La prima cosa da sapere è che gli incendi che si scatenano attualmente in Amazzonia non sono incendi normali, come quelli che avvengono dalle nostre parti: "sono l'ultimo passo della deforestazione," secondo Mongabay Ane Alencar, direttrice scientifica dell'ONG brasiliana Institute of Environmental Research in Amazonia. I proprietari terrieri "tagliano gli alberi, lasciano asciugare il legno e in seguito vi danno fuoco, in modo che le ceneri possano fertilizzare il terreno", afferma. Quella terra sgomberata diventa erba da pascolo per i bovini da carne.

Un rapporto scritto dalla sua organizzazione rileva che questi incendi sono direttamente correlati all'uomo. "La loro incidenza nella regione è direttamente correlata all'azione umana", afferma il rapporto, "e le fiamme di solito seguono la scia della deforestazione: più ci sono abbattimenti di alberi, più rileviamo punti caldi".

Eliminare aree della foresta pluviale amazzonica per l'agricoltura e l'allevamento di bestiame, ha radicalmente cambiato l'ambiente della foresta pluviale. Alcune parti dell'Amazzonia vivono stagioni secche e possono avere incendi boschivi, ma nulla su questa scala, afferma l'antropologo dell'Università della Florida Michael Heckenberger.

Heckenberger fa ricerche in una regione nella parte meridionale dell'Amazzonia che è stata la più colpita in termini di deforestazione. "Lavoro con le popolazioni indigene in una riserva indigena", afferma. "Fanno esercitazioni per prevenire gli incendi e altre cose riguardo al controllo del fuoco, e ha avuto un effetto estremamente importante."

Poiché le terre di riserva vengono mantenute utilizzando pratiche di uso della terra indigene, la deforestazione lì è molto limitata, afferma. La minaccia è comunque presente, tuttavia, "perché i sistemi ecologici si stanno prosciugando. Anche nelle aree in cui non vi è deforestazione fisica, vi è desertificazione e suscettibilità al fuoco."

L'Amazzonia, nella sua forma incontaminata, crea il suo clima. Ma Heckenberger afferma che "ciò che stiamo vedendo quest'anno è un'ulteriore prova del fatto che la deforestazione e i cambiamenti climatici stanno creando essenzialmente una transizione da quella che era in precedenza una foresta tropicale abbastanza densa a qualcos'altro, un bosco aperto o un regime di savana".

I servizi per la gestione degli incendi del governo brasiliano (e l'agenzia brasiliana per la protezione ambientale) sono stati significativamente penalizzati dopo le elezioni di Bolsonaro, qualcosa che Heckenberger afferma sta rendendo più difficile la gestione degli incendi.

La deforestazione stessa è più che raddoppiata rispetto ai numeri dell'anno scorso, secondo i dati satellitari dell'Istituto nazionale per la ricerca spaziale del Brasile. Bolsonaro ha licenziato il capo dell'agenzia spaziale brasiliana che ha diffuso questi dati il ​​2 agosto, dicendo che i dati erano falsi.

Scrivi un commento