riusa logotype

Inquinamento da clima: allarme Lancet

Un bambino nato oggi dovrà affrontare maggiori rischi di malattie e malnutrizione a causa dei cambiamenti climatici, secondo un nuovo rapporto pubblicato sul Lancet. Italia ai primi posti del mondo per morti da PM 2.5

I cambiamenti climatici stanno già influenzando la salute di milioni di persone in tutto il mondo, con fenomeni come l'ampliamento della gamma di zanzare portatrici di malattie, o il peggioramento delle malattie renali croniche all'aumento della frequenza di ondate di calore mortali. Ma i peggiori effetti ricadranno sui più giovani. Questa è la conclusione di un importante rapporto pubblicato dalla rivista medica britannica The Lancet mercoledì.

"Un bambino nato oggi avrà la salute sarà influenzata in ogni singola fase della sua vita da un clima che cambia," ha dichiarato Nick Watts, direttore esecutivo del Lancet Countdown on Health and Climate Change, durante una conferenza stampa.

Un bambino nato oggi potrebbe sperimentare un mondo di oltre 4 gradi più caldo della media preindustriale, ben al di sopra dei circa 1 grado Celsius di riscaldamento che il mondo ha sperimentato finora, osserva il rapporto.

Questa generazione dovrà affrontare rischi crescenti a causa di pericoli legati al clima come colture meno nutrienti e diffusione di malattie diarroiche. Man mano che questi bambini crescono, incontreranno l'inquinamento dell'aria esacerbato dalla combustione di combustibili fossili. Quando entrano nella forza lavoro, possono avere difficoltà a guadagnare denaro poiché l'aumento delle temperature medie rende più difficile lavorare all'aperto. E le loro vite e mezzi di sostentamento potrebbero essere sconvolti da condizioni meteorologiche estreme che diventano sempre più severe.

Il rapporto ha impiegato più di 100 collaboratori provenienti da 35 istituzioni internazionali, che vanno dall'Organizzazione mondiale della sanità all'Università del Colorado all'International Livestock Research Institute. La relazione annuale tiene traccia di 41 indicatori di rischio per la salute del clima, tra cui alluvioni e siccità, pianificazione nazionale dell'adattamento climatico, investimenti in energia pulita e copertura mediatica dei cambiamenti climatici e della salute.

Gli autori hanno affermato che i risultati di quest'anno sono particolarmente significativi. "Nel 2019, per questo rapporto, è la prima volta che sentiamo di poter affermare che questi impatti sulla salute sono certi e misurabili," afferma Watts.

Al momento, alcuni dei più gravi effetti sulla salute dei cambiamenti climatici sono sugli anziani. I ricercatori hanno scoperto che nel 2018 c'erano oltre 220 milioni di esposizioni ad ondate di calore in più per le persone con più di 65 anni rispetto alla media tra il 1986 e il 2005. Hanno scoperto che tre quarti dei paesi del mondo hanno visto un aumento delle popolazioni esposte a incendi negli ultimi tre anni rispetto ai 15 anni precedenti. Il rapporto sottolinea inoltre che stanno emergendo problemi di salute mentale legati ai cambiamenti climatici, in particolare per coloro che affrontano i traumi della migrazione e della perdita.

Ma le conclusioni più allarmanti del rapporto sono quelle che ci aspettano per le generazioni future, poiché il cambiamento climatico è un problema generazionale. La migrazione di massa, mentre le persone si ritirano dall'innalzamento del mare, minaccia ad esempio conflitti e problemi di salute mentale. Nelle aree urbane, l'aumento delle temperature unito alle crescenti fonti di inquinamento porterà a una riduzione generale della qualità della vita per la prossima generazione.

L'incidenza dell'asma, ad esempio, vediamo che è direttamente correlata all'ambiente in cui si trova anche il bambino, tra le altre variabili. La riduzione della qualità della vita ha un impatto sui bambini nati oggi. E se non limitiamo i cambiamenti climatici, possiamo aspettarci solo peggioramenti.

I risultati confermano l'angoscia che molti giovani sperimentano quando contemplano il mondo che erediteranno. Tuttavia, il rapporto mostra anche che c'è ancora tempo per agire per evitare alcune delle conseguenze più gravi per la salute dei cambiamenti climatici. Limitare il riscaldamento a meno di 2 gradi Celsius, l'obiettivo dell'accordo sul clima di Parigi, richiederebbe un'azione globale coordinata che avrebbe enormi benefici per la salute, in particolare per i giovani.

In questo scenario, un bambino nato oggi vedrebbe l'eliminazione graduale di tutto il carbone nel Regno Unito e in Canada entro il sesto e l'undicesimo compleanno; vedrebbe la Francia vietare la vendita di auto a benzina e diesel entro il 21° compleanno; e avrebbe 31 anni quando il mondo raggiungerebbe il CO2 netto zero nel 2050, secondo gli autori. "I cambiamenti osservati in questo percorso alternativo potrebbero comportare aria più pulita, città più sicure e cibo più nutriente, oltre a nuovi investimenti nei sistemi sanitari e nelle infrastrutture vitali."

Il rapporto evidenzia anche le strategie inevitabili per adattarsi ai cambiamenti climatici. Tra queste, la costruzione di un sistema globale di monitoraggio della salute e del clima, il monitoraggio delle aree ad alto rischio climatico nelle città, l'anticipazione della diffusione dei vettori di malattie e la fornitura di piani per raffreddare le persone durante i periodi di caldo estremo.

Triste primato per il nostro paese: sul fronte delle vittime da inquinamento atmosferico, l'Italia è prima in Europa, e all11° posto nel mondo per morti da esposizione alle polveri sottili PM2.5. Nel 2016 i decessi sono stati 45.600.

Scrivi un commento