riusa logotype

Usare la natura contro l'inquinamento

Gli alberi possono essere migliori della tecnologia per mitigare l'inquinamento atmosferico, secondo un nuovo studio.

L'aggiunta di piante e alberi ai paesaggi vicino alle fabbriche e ad altre fonti di inquinamento potrebbe ridurre l'inquinamento atmosferico in media del 27 percento, secondo una nuova ricerca.

Lo studio mostra che gli alberi, non le tecnologie, possono essere opzioni più economiche per la pulizia dell'aria vicino a numerosi siti industriali, strade, centrali elettriche, impianti termici industriali e siti di trivellazione di petrolio e gas.

In effetti, i ricercatori hanno scoperto che nel 75% delle aree analizzate, è più economico usare le piante per mitigare l'inquinamento atmosferico piuttosto che affiancare interventi tecnologici alle fonti di inquinamento.

"Il fatto è che tradizionalmente, soprattutto come ingegneri, non pensiamo alla natura; ci concentriamo solo sul mettere la tecnologia in tutto," ha dichiarato Bhavik Bakshi, autore principale dello studio e professore di ingegneria chimica e biomolecolare presso l'Ohio State University .

"E quindi, una scoperta chiave è che dobbiamo iniziare a guardare alla natura, imparare da essa e rispettarla. Se lo facciamo, ci sono opportunità vantaggiose per tutti: opportunità potenzialmente più economiche e migliori dal punto di vista ambientale."

Lo studio, pubblicato sulla rivista Environmental Science & Technology, ha scoperto che le soluzioni naturali per l'inquinamento atmosferico potrebbero, in molti casi, essere migliori della tecnologia per combattere l'inquinamento atmosferico.

L'analisi ha rilevato che per un settore specifico, le caldaie industriali, la tecnologia è più economica nella pulizia dell'aria rispetto agli aggiornamenti degli ecosistemi. E per l'industria manifatturiera, una combinazione di processi naturali e tecnologia potrebbe offrire risparmi sui costi, a seconda del tipo di fabbrica.

Per iniziare a comprendere l'effetto che alberi e altre piante potrebbero avere sull'inquinamento atmosferico, i ricercatori hanno raccolto dati pubblici sull'inquinamento atmosferico e sulla vegetazione in alcune aree degli Stati Uniti d'America. Quindi, hanno calcolato quanto potrebbe costare aggiungere ulteriori alberi e piante.

I loro calcoli includono la capacità della vegetazione attuale, compresi alberi, praterie e arbusti, di mitigare l'inquinamento atmosferico. Hanno anche considerato l'effetto che una piantumazione forzata (portando cioè la copertura vegetale di una data contea ai livelli medi) potrebbe avere sui livelli di inquinamento atmosferico. Hanno stimato l'impatto delle piante sugli inquinanti atmosferici più comuni: anidride solforosa, particolato e biossido di azoto.

Hanno scoperto che il ripristino della vegetazione alla copertura media riduce l'inquinamento atmosferico in media del 27%. Questa cifra varia: per esempio, una contea nel deserto del Nevada e una contea agricola dell'Ohio danno risposte diverse, visto che in media il Nevada ha una copertura inferiore a quella dell'Ohio, essendo zona desertica.

La ricerca non ha calcolato gli effetti diretti che le piante potrebbero avere sull'inquinamento da ozono, perché, secondo Bakshi, mancano i dati sulle emissioni di ozono. L'analisi non ha inoltre considerato se alcune specie di alberi o piante funzionino meglio contro l'inquinamento atmosferico, sebbene Bakshi abbia affermato che è probabile che alcune varietà di piante possano fare la differenza nella qualità dell'aria.

L'aggiunta di alberi o altre piante potrebbe abbassare i livelli di inquinamento dell'aria sia nelle aree urbane che in quelle rurali, sebbene le percentuali di successo varino a seconda, tra l'altro, della quantità di terra disponibile per coltivare nuove piante e dell'attuale qualità dell'aria.

La riduzione dell'inquinamento atmosferico è fondamentale per la salute pubblica. L'American Lung Association stima che 4 persone su 10 negli Stati Uniti vivono in aree con scarsa qualità dell'aria, portando a problemi di salute tra cui asma, cancro ai polmoni e malattie cardiache.

Bakshi afferma che le loro scoperte indichino che la natura dovrebbe essere una parte del processo di pianificazione per far fronte all'inquinamento atmosferico e dimostrino che ingegneri e costruttori dovrebbero trovare il modo di incorporare sistemi tecnologici ed ecologici.

"La cosa a cui siamo interessati è fondamentalmente assicurarsi che l'ingegneria contribuisca positivamente alla mitigazione degli effetti dell'industrializzazione," ha affermato Bakshi. "Il motivo per cui non è stato fatto è perché l'ingegneria ha mantenuto la natura al di fuori dei confini del suo campo di studio."

Scrivi un commento