riusa logotype

Il luglio più caldo di sempre

È probabile che il luglio appena trascorso sia stato il mese più caldo mai registrato sulla Terra, affermano gli esperti, scatenando avvertimenti sulla lotta per affrontare il cambiamento climatico.

Le temperature torride di luglio hanno causato danni ambientali in tutto il mondo, ha dichiarato il segretario generale dell'Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) Petteri Taalas.

"Il caldo straordinario è stato accompagnato da un drammatico scioglimento dei ghiacci in Groenlandia, nell'Artico e sui ghiacciai europei," ha affermato.

"Gli incendi senza precedenti hanno imperversato nell'Artico per il secondo mese consecutivo, devastando foreste un tempo incontaminate. Questa non è fantascienza. È la realtà del cambiamento climatico. Sta succedendo ora e peggiorerà in futuro senza un'azione urgente sul clima."

I dati dell'OMM mostrano che le temperature globali a luglio erano di circa 1,2°C superiori ai livelli preindustriali. Se il record di luglio 2016 fosse eguagliato, questo sarebbe comunque significativo, dicono gli esperti.

Questo perché l'aumento delle temperature globali nel 2016 è stato in parte dovuto a un fenomeno di El Niño eccezionalmente forte, che quest'anno è stato meno potente. El Niño fa aumentare la temperatura dell'acqua lungo l'equatore del Pacifico e ha un effetto importante sui sistemi meteorologici globali.

"Il periodo dal 2015 al 2019 è stimato essere il quinquennio più caldo mai registrato", ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres. "Solo quest'anno abbiamo visto record di temperature infrante da Nuova Delhi ad Anchorage, da Parigi a Santiago, da Adelaide e dal circolo polare artico."

"Se non interveniamo sui cambiamenti climatici ora, questi eventi meteorologici estremi saranno solo la punta dell'iceberg". Quest'anno ha portato in dote anche il giugno più caldo di sempre. Tutti i mesi del 2019 finora si collocano tra i quattro più caldi.

Ma luglio in particolare ha fatto la storia del clima in tutto il mondo. La Francia ha visto i suoi massimi record, quando le temperature hanno raggiunto i 42,6°C a Parigi, una temperatura di un tipico giorno di luglio a Baghdad.

La città settentrionale di Lille ha raggiunto i 41,6°C, che ha battuto il suo precedente record di 4°C, mentre anche il resto della Francia settentrionale ha subito devastanti incendi, normalmente una rarità nella regione.

Le temperature hanno battuto un record di 75 anni nei Paesi Bassi (Gilze Rijen, 40.7°C) mentre la Germania (Lingen, 42.6°C) e il Belgio (41.8°C) hanno stabilito nuovi record nazionali. Anche a Helsinki, in Finlandia, il mercurio è salito a un record di 33,2°C, mentre alcune parti degli Stati Uniti hanno anche subito condizioni calde da record.

Le alte temperature hanno stimolato lo scioglimento del ghiaccio in Groenlandia, che aveva già visto uno straordinario evento di fusione tra l'11 e il 20 luglio di quest'anno. Gli scienziati polari ritengono che il 2019 potrebbe stabilire nuovi record per la perdita di ghiaccio in Groenlandia.

Nell'Artico e in Groenlandia, il calore ha provocato enormi incendi, producendo emissioni di CO2 pari a quelle di tutta la Colombia nel 2017.

Centinaia di incendi, alcuni dei quali potrebbero essere chiaramente visti dallo spazio, hanno devastato la Siberia, colpendo oltre tre milioni di ettari di terra (vedi La Siberia va a fuoco).

Gli esperti affermano che le ondate di calore sono legate all'attività umana, che ha più che raddoppiato la loro probabilità in alcune località.

"Tali onde di calore così intense e diffuse portano la firma dei cambiamenti climatici causati dall'uomo", ha affermato Johannes Cullmann, direttore del Dipartimento Clima e Acqua dell'OMM.

Il professor Dann Mitchell, professore associato di scienza dell'atmosfera all'Università di Bristol, ha dichiarato: "La tendenza al riscaldamento è chiara e le prove scientifiche indicano fermamente che questo è causato dal cambiamento climatico indotto dall'uomo".

Scrivi un commento