riusa logotype

Le bugie della moda veloce

Le aziende del settore della moda, il più inquinante e iniquo del mondo, cambieranno davvero strada per mitigare la crisi climatica?

Di recente, Zara ha preso un impegno di sostenibilità. Il che, detto così, equivale a dire che Trump si è impegnato a essere elegante. Come maggiore rivenditore di fast-fashion al mondo, Zara produce circa 450 milioni di capi all'anno e rilascia 500 nuovi modelli alla settimana, circa 20.000 all'anno. Il modello di fast fashion di Zara ha avuto un tale successo che ha ispirato un intero settore a cambiare, sfornando un numero senza precedenti di capi di abbigliamento ogni giorno.

Viviamo in una crisi climatica conclamata, ma nel contempo, se un'azienda vuole sopravvivere, deve adottare un modello di iper-consumismo. Contraddizioni insanabili, che non promettono alcunché di buono.

La produzione di abbigliamento è raddoppiata dal 2000 al 2014. Il consumatore medio ha acquistato il 60% in più di abbigliamento nel 2014 rispetto al 2000, mantenendo in media ogni capo la metà del tempo. Si prevede che il consumo di abbigliamento aumenterà del 63% nei prossimi 10 anni. E meno dell'uno per cento di tutti gli indumenti prodotti a livello globale viene attualmente riciclato.

Con numeri di produzione come questi, qualsiasi rivenditore di fast-fashion può vantare una qualunque forma di sostenibilità? Il modello di business della moda veloce è l'antitesi stessa alla sostenibilità.

Molte aziende di fast fashion sbandierano il riciclo (vedi La bufala della moda sostenibile). Ma anche se i capi vengono raccolti in negozio, in genere nella misura di poche unità, non ci sono le capacità di riciclare gli indumenti nella scala necessaria per gli attuali tassi di produzione. Di solito, è anche più dispendioso in termini di energia riciclare che produrre nuovi prodotti.

Un altro concetto, quello proposto recentemente da Zara, è quello di utilizzare solo tessuti sostenibili. Ma passare a tessuti sostenibili mantenendo lo stesso modello di consumismo sfrenato, non renderà sostenibile nessun rivenditore di fast-fashion.

Non esiste un tessuto sostenibile al 100%. I tessuti richiedono un'enorme quantità di energia e risorse naturali per la produzione. I tessuti sostenibili sono solo meno dannosi nel post-vita, riducendo il loro impatto ambientale.

Le grandi aziende del fast-fashion sono completamente diverse da quelle piccole: i piccoli marchi si concentrano sulla creazione di una cultura della sostenibilità producendo meno sin dall'inizio. Usano strategie come la produzione su ordinazione, quindi non producono più di quello che viene venduto. Disegnano capi d'abbigliamento di migliore qualità, garantendo durata e longevità, quindi i vestiti durano a lungo nel tuo guardaroba. Spesso organizzano la riparazione degli abiti in modo da poterli conservare più a lungo.

Un esempio tra tutti: quello di EcoGeco. La differenza più significativa è che molti piccoli marchi stanno optando per lavorare in un concetto di anti-moda. Hanno deliberatamente scelto di non seguire l'intenso calendario stagionale in cui la moda funziona. Invece, producono come necessario. Questo è l'opposto di come funzionano le grandi aziende.

I grandi rivenditori globali non stanno cercando di cambiare il loro modello di business fondamentale o creare culture di sostenibilità. Ciò richiederebbe una rielaborazione dell'intera struttura aziendale. Il modello di crescita rapida utilizzato da tutte le grandi aziende si basa su crescita illimitata e consumo disponibile.

I marchi aziendali e i rivenditori forniscono statistiche sulle loro riduzioni dell'impatto ambientale all'interno delle loro catene di approvvigionamento. A differenza dei bilanci economico-finanziari, le relazioni sulla responsabilità sociale delle imprese sono volontarie e non verificate esternamente. Inoltre, il modo in cui misurano i loro miglioramenti non è coerente o standardizzato. Pertanto, i consumatori non possono confrontare un'azienda con un'altra senza fare alcuni calcoli astrusi.

La moda veloce è un business "crescere o morire". E la moda veloce continua ad esportare questo consumismo occidentale nel sud del mondo: questo potrebbe avere conseguenze disastrose. Questo è il paradosso nel cuore della cultura consumistica occidentale e va oltre l'industria della moda veloce. Le economie capitaliste neoliberiste richiedono un consumo continuo e definiscono il successo attraverso la crescita, concetti in contrasto con la sostenibilità.

La popolazione globale è destinata a crescere di altri due miliardi di persone nei prossimi 30 anni. Per avere un minimo impatto contro la crisi climatica, nei prossimi 10 anni dobbiamo ridurre le emissioni di oltre il 55%.

L'attuale impronta di carbonio dell'industria della moda è oltre l'8% delle emissioni globali globali di gas serra, maggiore di tutti i viaggi internazionali. Pertanto, per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, compreso l'obiettivo di temperatura globale 2°C, l'industria della moda dovrebbe cambiare radicalmente, non fare greenwashing.

Anche quando un capo viene prodotto utilizzando tutti i materiali sostenibili, ci sono ancora molti problemi. Costi economici e produzione rapida sono il motivo per cui ci sono ancora problemi di manodopera sfruttata.

Zara ha 1.800 fornitori nella sua catena di fornitura, ma non rivela la frequenza con cui ogni anno verifica i singoli fornitori per garantire la conformità. Se un capo è realizzato per resistere solo a un paio di mesi di usura, è un enorme spreco di risorse per produrlo.

La moda veloce non può spingere i consumatori verso comportamenti di consumo più responsabili perché alla fine ciò danneggerebbe i loro profitti.

Scrivi un commento