riusa logotype

Mediterraneo: le microplastiche sono il rifiuto n. 1

Secondo uno studio, le microplastiche sarebbero i rifiuti più comuni lungo la costa mediterranea. Più del 60 per cento dei rifiuti che affliggono le acque costiere del Mediterraneo è costituito da plastica.

Le microplastiche provenienti dalle borse della spesa e dalla pellicola trasparente sono il tipo più comune di rifiuti trovati nelle acque costiere del Mediterraneo.

Il polietilene costituisce oltre la metà della plastica (54,5%) che si trova lungo la costa mediterranea della Spagna, secondo uno studio del gruppo di ricerca sulle geoscienze marine dell'Università di Barcellona. Questo tipo di plastica è più comunemente usato per fare sacchetti di plastica e pellicola trasparente.

Il polipropilene (16,5%), utilizzato in imballaggi di plastica rigidi come le bottiglie, è al secondo posto, seguito dal poliestere (9,7%) utilizzato in abbigliamento, arredamento e tessuti.

Alcune aree attorno alla penisola costiera presentavano concentrazioni di 500.000 microplastiche per chilometro quadrato.

Uno degli autori dello studio, il dott. William de Haan, scienziato marino dell'Università di Barcellona, ​​ha dichiarato: "Questi risultati coincidono con gli studi condotti in altre regioni del Mediterraneo, un ecosistema marino considerato come uno dei più grandi bacini della microplastica galleggiante in tutto il mondo."

Lo studio si è concentrato sulle coste della Catalogna, Murcia e Almeria in Spagna. I livelli più estremi di microplastiche sono stati trovati intorno a Tordera e Besos, aree con alti livelli di inquinamento a causa dell'alta densità di popolazione, turismo, uso delle spiagge e attività marine. Il polietilene costituiva due terzi (65%) delle microplastiche oceaniche presenti in queste zone della costa.

Anna Sánchez-Vidal, coautrice dello studio, ha dichiarato: "Le dimensioni e le proprietà fisiche e chimiche, nonché le condizioni dell'ambiente marino, determinano la destinazione delle microplastiche nell'acqua: la densità del materiale plastico è un fattore determinante per i grandi frammenti. Quando si parla di una microplastica, le dinamiche sono più complesse."

"La densità dell'acqua marina varia a seconda di diversi fattori (temperatura, salinità, posizione geografica, profondità) e influisce direttamente sulla galleggiabilità delle microplastiche".
Circa il 66% delle microplastiche che abbiamo trovato negli aggregati marini (polietilene, polipropilene e polistirene espanso) sono microplastiche a bassa densità."

"Questa ipotesi," conclude la professoressa Sànchez-Vidal, "potrebbe spiegare la presenza di microplastiche a bassa densità in grandi profondità marine in tutto il mondo, e perché l'abbondanza di materie plastiche che galleggiano nella superficie dell'oceano è inferiore al previsto."

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Marine Pollution Bulletin.

Scrivi un commento