riusa logotype

Oceani: il riscaldamento a lungo termine

Secondo gli scienziati, gli oceani assorbono gran parte del riscaldamento globale e lo trattengono. Un serbatoio di calore che continuerebbe a scaldare la terra anche se la finissimo coi gas serra.

Il 2017 è stato l'anno più caldo mai registrato per gli oceani, secondo un nuovo studio pubblicato su Advances in Atmospheric Sciences, che utilizza alcuni dei metodi scientifici più aggiornati per misurare il calore oceanico.

I nostri oceani assorbono il 90% del calore che gli esseri umani creano nell'atmosfera inquinando i gas serra, il che significa che sono una delle più grandi vittime ambientali del riscaldamento globale. Questo spiega perché, nonostante il 2017 sia stato il terzo anno più caldo mai registrato (dati NOAA, National Oceanic and Atmospheric Administration), sia stato anche l'anno più caldo mai registrato negli oceani.

Lo studio utilizza un nuovo metodo per misurare la quantità di calore nell'oceano, che Cheng ha contribuito a sviluppare nel 2017. Funziona creando una robusta griglia di raccolta dati dell'oceano mondiale, analizzando i dati della temperatura oceanica specifici della posizione e integrando questi dati in una mappa che fornisce un ritratto di come l'oceano è cambiato dal 1960 ad oggi. Questa rappresentazione riesce a cogliere anche i cambiamenti a breve termine nell'oceano, come gli eventi di El Niño e La Niña.

Secondo Cheng, l'analisi delle misurazioni su scala micro con questo metodo aiuta a contrastare le stime prudenti, che sono comuni negli studi focalizzati sull'oceano.

"Prevediamo che ci saranno stime più accurate sulla passata tendenza al riscaldamento oceanico rispetto a quanto riportato in precedenza perché sappiamo già che molti metodi tradizionali sottovalutano la tendenza a lungo termine", ha scritto Cheng in una e-mail.

Cheng sostiene che questi livelli dell'oceano non abbiano solo implicazioni per il presente: dato che l'oceano si scalda lentamente e ha un'enorme capacità di assorbire il calore dall'atmosfera e di immagazzinarlo, l'oceano continuerà a essere caldo e si scalderà a lungo il futuro. "In altre parole, l'oceano è il ricordo dei cambiamenti del passato," ha detto Cheng.

I nostri oceani sono in uno stato terribile e lo sappiamo da anni. L'inquinamento umano con i gas serra sta riscaldando i nostri oceani, il che sta aiutando a portarlo a livelli di acidità che la terra non ha visto in 252 milioni di anni (in un breve periodo, allora, il 96% della vita sulla terra si estinse). Gli ecosistemi delle barriere coralline, la spina dorsale di molti ecosistemi oceanici, stanno crollando dall'interno. Un circolo vizioso sta facendo letteralmente crollare il fondo marino e aumenta l'acidità oceanica ancora più velocemente. Una "zona morta" stagionale anossica nel Golfo del Messico è ora più grande del New Jersey.

Scienziati delle Nazioni Unite hanno esplicitamente detto ai governi globali che abbiamo circa dodici anni per ristrutturare i nostri sistemi di produzione, trasporto e governance al fine di limitare il riscaldamento della terra a livelli abbastanza vivibili (vedi Fermiamo il riscaldamento, o saranno guai). Dodici anni sono probabilmente troppi.

Ma anche nel migliore dei casi in cui cambiamo radicalmente i nostri modi di produzione e limitiamo il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius al di sopra dei livelli preindustriali, i nostri oceani continueranno a riscaldarsi ed espandersi per decenni. Violente tempeste causate dal cambiamento del clima invaderanno e distruggeranno le città e molte vite umane.

Scrivi un commento